Il cantante che ha conquistato il mondo

Gregory Porter, il cantante che ha conquistato il mondo con i due album "Water" e "Be Good" arriva a Roma fresco vincitore ai Grammy Awards con l'album "Take me to the alley" che si è imposto nella "Best Vocal Jazz Album".

Nato a Los Angeles, cresciuto a Bakersfield; un'infanzia difficile, sostenuta però dalla passione per la musica e per la voce di Nat King Cole, Gregory Porter esordisce nel 2010 con il disco Water che gli valse la prima nomination ai Grammy come "Best Jazz Vocal", fatto eccezionale per un disco d'esordio. I singoli 1960 What e Illusion, scalano le classifiche in America e in Europa, mentre il New York Times sigilla così tale successo: "Gregory Porter has most of what you would want in a male jazz singer, and maybe a thing or two you didn't know you wanted". La consacrazione arriva nel 2012 con il secondo album Be Good, con cui si aggiudica la seconda nomination ai Grammy, questa volta come "Best Traditional R&B Performance". Con una voce che sa essere carezzevole e decisa, calda e avvolgente, Gregory Porter è stato definito da Wynton Marsalis, con cui si esibisce spesso a New York, "un cantante fantastico". Tra i nomi di coloro che Porter cita come propri punti di riferimento ci sono Nat King Cole, Joe Williams e Donny Hathaway. Lo stile vocale di Porter è stato di plasmato dall'esempio di questi cantanti, ma la sua personale visione del mondo carica tutti i brani di una tale intensità emotiva da rendere ogni esecuzione estremamente potente ed unica.

GREGORY PORTER
Gregory Porter – Voce
Chip Crawford – Pianoforte
OndreJ Pivec - Hammond
Jahmal Nichols - basso
Emanuel Harrold - batteria
Tivon Pennicott – sassofoni

Per la programmazione completa, consulta l'anteprima concerti a Roma nella sezione dedicata.

Appartiene ad un evento principale:


Hai partecipato? Commenta ()

Banner La Taverna dei Corsari