Concerti, Nel salotto di Bach



Per il prossimo appuntamento di Un Organo per Roma

È intitolato "Nel salotto di Bach" il prossimo concerto del festival Un Organo per Roma, che si svolgerà venerdì 28 aprile alle 19.00 nella sala accademica del Conservatorio "Santa Cecilia (via dei Greci 18, ingresso gratuito fino ad esaurimento posti). Il grande Johann Sebastian ne è infatti il protagonista, in due modi diversi, prima come compositore poi come protagonista di una piccola opera contemporanea. Infatti prima Olga Di Ilio suonerà tre suoi capolavori organistici, il Corale "In dir ist Freude" BWV 615, il Corale "O Mensch, bewein' dein' Sünde grosse" BWV 622 e il Preludio e Fuga in la min. BWV 543, poi sarà eseguito l'intermezzo "Bach Haus", un atto unico di Michele dall'Ongaro su libretto di Vincenzo De Vivo. Commissionata dall'Opera di Roma nel 2000 per i duecentocinquanta anni dalla morte di Bach, questa piccola opera ha avuto molte riprese, che certificano un'accoglienza molto favorevole, rara per un brano contemporaneo.
Il divertente libretto di De Vivo vuole rispondere a una domanda che ci si pone da quasi tre secoli: "Perché Bach non ha mai scritto un'opera?". La risposta la troviamo nell'immaginario incontro tra Bach e un impresario italiano che gli propone di scrivere un'opera, facendogli però presenti tutti gli obblighi e le convenzioni cui dovrà sottostare, al che il saggio Johann Sebastian declina l'offerta, suggerendo di rivolgersi piuttosto a suo figlio, più giovane e più "moderno" di lui. Il soggetto è ironico e altrettanto frizzante è la musica di Michele dall'Ongaro, uno dei compositori italiani più rappresentati in Italia e all'estero, ben noto a Roma anche come presidente dell'Accademia di Santa Cecilia. Con garbo e ironia dall'Ongaro gioca con le citazioni e le parodie della musica di Bach, ma non solo di Bach, perché si riconoscono anche Puccini, Bernstein e altri ancora. "Il mio intento - ha detto il compositore - è anche comunicare il grande amore, prima di tutto fisico, per la musica".
Gli interpreti saranno il soprano Michela Guarrera, il tenore Antonio Sapio e il basso Gaetano Triscari. Il Complesso d'archi del Conservatorio - con i solisti Olga Di Ilio al clavicembalo, Alessandro Marini al violino, Bianca Maria Fiorito al flauto e Arianna Granieri al pianoforte - sarà diretto da Federico Amendola, che il pubblico romano ha già avuto modo di ascoltare e apprezzare sul podio delle orchestre della Rai e dell'Opera e che ha svolta la sua attività anche in altri importanti teatri, come il San Carlo di Napoli.

Capolavori organistici di Bach
e un ironico e frizzante intermezzo di Michele dall'Ongaro
con il grande Johann Sebastian come protagonista
per il prossimo appuntamento di Un Organo per Roma



Parteciperai all'evento? Lascia un commento ()


Banner La Taverna dei Corsari