In mostra, fino al 15 novembre, 50 Giogakbo realizzati da 40 artigiani coreani

I Giogakbo fioriscono dalle sapienti mani delle donne coreane.

E' in corso all'Istituto Culturale Coreano l'esposizione "K Patchwork. I Giogakbo fioriscono dalle sapienti mani delle donne coreane" che presenta al pubblico romano 50 Giogakbo, realizzati da 40 artigiani e scelti dal rappresentante del Centro di ricerca sull'artigianato femminile Ssamjisarang, Ha Jaegu.
Allestita all'interno della Korea Week, conclusa lo scorso 27 ottobre, la mostra è un'occasione unica per conoscere e apprezzare una delle massime espressioni dell'artigianato coreano, i "Bogiaghi" (Stoffa per fagotti), tipici solo della Corea, tessuti utilizzati nella vita quotidiana per avvolgere, custodire e trasportare gli oggetti. Sin dai tempi più antichi, le donne coreane realizzavano i Bogiaghi, unendo delle stoffe quadrate e rettangolari, che venivano utilizzate per fini pratici nella vita domestica, come regalo di nozze o per decorare la casa. Un peculiare tipo di Bogiaghi è il Giogakbo che con il suo inconfondibile stile patchwork, una stoffa sottile con dei motivi geometrici, racchiude una particolare bellezza e mostra al meglio la particolarità del cucito tradizionale coreano.


Hai partecipato? Commenta ()

Banner La Taverna dei Corsari