Visite guidate, Artemisia Gentileschi e il suo tempo. Mostra a Palazzo Braschi



Una visita guidata organizzata dall'Associazione Esperide

Sabato 14 gennaio, ore 15.30

Con circa 90 opere provenienti da tutto il mondo, Palazzo Braschi ospita la mostra dedicata ad Artemisia Gentileschi, artista del Seicento, dalla personalità intrigante e controversa. La mostra svela gli aspetti più autentici della pittrice, attraversando un arco temporale che va dal 1610 al 1652.
Artemisia, nata a Roma nel 1593, era la figlia del noto pittore Orazio Gentileschi, amico di Caravaggio, ed entrambi i pittori ebbero un'ascendenza determinante nella formazione del suo stile. Protagonista di episodi drammatici, come il rapporto controverso con il pittore Agostino Tassi condannato, dopo un lungo processo, con l'accusa di stupro nei confronti della giovane pittrice. La cornice della sua turbolenta esistenza non fu solo Roma, ma anche Firenze e Napoli e proprio l'esperienza svolta in queste città è approfondita e avvalorata all'interno della mostra da un solido impianto scientifico teso ad esaminare gli scambi e le influenze che segnarono la ricerca e la vita dell'artista.
La mostra è un'occasione importante per poter ammirare i capolavori di Artemisia, come la celebre opera di "Giuditta che taglia la testa a Oloferne" della Galleria degli Uffizi di Firenze, oppure "l'Autoritratto come suonatrice di liuto" del Wadsworth Atheneum di Hartford Connecticut. Accanto alle opere della pittrice sono, inoltre, esposti importanti capolavori di alcuni protagonisti del Seicento, come Simon Vouet, Giovanni Baglione, Cristoforo Allori e Giuseppe Ribera.

Per ulteriori informazioni visita il sito

La prenotazione è obbligatoria.



Hai partecipato? Lascia un commento ()


Banner La Taverna dei Corsari