Erri De Luca fra politica e poetica: incontro con i lettori

Solo andata, migrazione e poesia

Categoria: Libri
Il 18/04/2013
In città
Di Grotta Di Gregna, 27

Il 18/04/2013

Erri De Luca incontra i lettori, parla di sé. Delle parole ascoltate, vissute , parlate, meditate e lette, restituite silenziose nelle pagine da sfogliare. Spesso i libri diventano conoscenti a cui rivolgersi per comprendersi meglio, e per imparare grammatiche umane. E nei luoghi abitati dai libri può accadere di concedersi un tempo dedicato alle parole lette, condividerle con chi ce l’ha offerte. Conferendo forme, infondendo sonorità. Scegliendole per farne lievitar e pensieri da attaccare alla vita.

La prima parte è un’odissea infernale di migranti africani verso l’Europa, attraverso deserti e rive della Libia, poi sulle "carrette del mare" verso l’isola di Lampedusa, a sud della Sicilia. Questa poesia è fatta d’erranza, di sradicamento, di disperazione, di sfruttamento, di stranezza, di minacce e di morte.

Questa poesia fa confluire la bellezza del verbo di Erri De Luca, la sua lucidità politica e perfetta conoscenza del fenomeno migratorio: spietata geografia umana e fisica metamorfosata in cantico.

Questa poesia mette in parola le realtà profonde ma rimosse delle migrazioni: “Faremo i servi, i figli che non fate, nostre vite saranno i vostri libri d’avventura.”

Iliade crudele e moderna, questo canto tragico esce dalla stretta sfera della poesia per raggiungere l’universalità di un linguaggio capace di dire l’indicibile orrore: corpi traditti, zuppi, sfiniti, morta salata del mare, sete che spinge a leccare l’ultima goccia di ruggine sulla carretta di legno, sguardi inanimati dove passa il groviglio delle nube…

Lo stesso giorno, a Lussemburgo, i ministri europei dell’interno sancivano sulle questioni di migrazioni in cooperazione con la Libia. Hanno parlato di pattuglie marittime comune, di motovedette , di salvataggio in mare, di formazione di poliziotti, di documenti falsificati, di diritto d’asilo e di rimpatrio. Si sono divisi sul rispetto dei diritti umani rispetto alle politiche di rimpatrio. Le loro conclusioni sono pubbliche: http://ue.eu.int/ueDocs/cms_Data/docs/pressData/fr/jha/85047.pdf

Quando i ministri dell’interno si riuniscono, di solito i resoconti non sono molto poetici, e evidentemente “Solo andata” non figurava nei loro dossiers. L’eco della tragedia umana che gronda nelle sue pagine è rimasto al largo del Mediterraneo.

Informazioni

Il 18/04/2013
GRATUITO DI GIORNO
Biblioteca Penazzato

ORE 18.00

ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti

Luogo

In città
Di Grotta Di Gregna, 27

Mappa

Vai al sito per la versione completa
Il sito utilizza i cookies, anche di terzi, necessari al funzionamento e per inviare pubblicità. Accetta