FOTO DI UN ANACRONISMO

Sabato 5 novembre 2011, alle ore 19 presso la degliZingari Gallery si inaugura l’evento espositivo :

FOTO DI UN ANACRONISMO DI GRUPPO

cronachette da un atelier

a cura di Gianluigi Mattia

Espongono: Pierluigi Butti, Valeria Cademartori, Lucianella Cafagna, Giulia Cantisani, Letizia Cavallo, Alessandra Giacinti, Marina Laruffa, Maria Nantista, Daniela Pasti-Augias, Fabio Pini, Graziano Russo.

Tutti gli undici artisti sono riconducibili ad una lunga consuetudine con lo studio del maestro Gianluigi Mattia, avendo frequentato o frequentando tuttora i suoi Corsi per cicli ed in anni diversi.

Per Valeria Cademartori, Lucianella Cafagna, Giulia Cantisani, Alessandra Giacinti, e Graziano Russo va precisato che sono giovani artisti dalla personalità fortemente connotata, accomunati da un nomadismo mentale e culturale che li accredita definitivamente ai circuiti internazionali d’arte contemporanea.

La loro presenza all’interno di questo evento va letta come una testimonianza d’affetto e riconoscenza nei riguardi del loro maestro.

Con Pierluigi Butti, Letizia Cavallo, Marina Laruffa, Maria Nantista, Fabio Pini e Daniela Pasti-Augias, siamo in presenza di personalità già definite ma tuttora permanenti nel percorso formativo messo in atto dal maestro. Voci discrete e sommesse migranti in territori dai confini più delimitati i cui attuali risultati fanno presagire avventure ed esiti di grande spessore.

Insieme, anacronisticamente, quelli usciti dai Corsi e quelli tuttora dentro, costituiscono un evento di assoluta trasversalità, emblematico della funzione formativa e tutoriale svolta dal maestro. Contestualmente ci segnalano il ruolo nuclearizzante e aggregante del “ luogo “…. l’atelier.

Quello in questione si affaccia su un cortile del ‘700 caratterizzato dalla magia delle sue proporzioni, da suoni e silenzi in equilibrio perfetto, da vecchi intonaci, sontuosa vegetazione, da voci discrete e familiari. Non ultimo, dalla percezione persistente di presenze storiche straordinarie: la famiglia Chigi, i Farnese, i Riario, Raffaello, Sebastiano del Piombo, Giulio Romano, Cristina di Svezia, ecc. Siamo nell’antica Via della Lungara in Trastevere.

Se la “ pratica d’arte “ sa essere a volte terapeutica, la magia del “ luogo “ aggiunge medicina.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma