Un corto per il teatro. II edizione

Dopo il grande successo della scorsa stagione, al Teatro Millelire, con il patrocinio di Roma Capitale Municipio I, con i mediapartner La Nouvelle Vague Magazine, Madrearte Teatro, Kirolandia, Gino Magazine, dal 13 al 18 gennaio 2015, si svolge la II edizione del Premio Millelire – Un corto per il Teatro. Il premio, quest’anno, è intitolato al regista, attore e drammaturgo Lorenzo De Feo fondatore del Teatro Millelire insieme ad Antonio Lupi e scomparso lo scorso anno.

L'obiettivo di questa iniziativa, fortemente voluta dai due fondatori del Teatro, è quello di offrire alle compagnie uno spazio dove esporre i propri lavori, favorendo la diffusione e il confronto tra i nuovi soggetti del Teatro Italiano.

Quindici sono le compagnie teatrali che si sfideranno per l'assegnazione di diversi premi: Miglior Corto, Miglior Interprete, Miglior Regia, Premio della Critica, Miglior Drammaturgia assegnati dalla Giuria Critica, di Qualità e Popolare.

Il tema centrale dei corti scelto quest'anno dagli organizzatori, Antonio Lupi e Junia Tomasetta, entrambi direttori del Teatro Millelire, è “La Cattiveria: quanto fa ridere!”.

Spiega Antonio Lupi: “Quante volte ci siamo ritrovati a sorridere davanti ad una caduta, ad un tiro beffardo o ad un pettegolezzo? La cattiveria è il sale della vita. La cattiveria intesa come stimolo alla crescita, competizione non sempre eticamente corretta, desiderio di prevaricazione, il tutto accompagnato da cinica ironia. Un trionfo di humour nero e splendida malvagità” e continua “Mi ha colpito un pensiero di Roland Jaccard che afferma: Un mondo senza cattiveria sarebbe talmente noioso che nemmeno il più agguerrito idealista vorrebbe viverci, perché non gli resterebbe nessun nobile ideale per cui battersi”

Molti i nomi del teatro italiano e della critica che si alterneranno per le sei serate: Fabio Grossi (Regista e Drammaturgo) in qualità di Presidente della Giuria; Fioretta Mari (Attrice); Lydia Biondi (Attrice); Mirella Mazzeranghi (Attrice); Lauro Versari (Autore/Regista); Enrico Maria Lamanna (Regista); Renato Campese (Attore); Bea Boscardi (Organizzatrice Teatrale); Maria Pia Fiacchini (Direttrice dell’Associazione Culturale Fonòpoli); Enzo Cagnetti (Scrittore e Autore); Donatella Codonesu (Corriere della Sera); Franco Vivona (Fuori Campo); Natalia Di Stefano (Corriere della Sera); Silvia Elisabetta Cangelosi (Radio Popolare); Alessia Sonnino (DJ Radio Godot); Antonio Mazzuca (Gufetto), Andrea Cova (Saltinaria), Francesco Raducci (La Nouvelle Vague), Mena Zarrelli (Momento Sera), Annalisa Civitelli (Corriere del web).

Note su Lorenzo De Feo

Lorenzo De Feo (2/9/1965 – 19/01/2014), nato a Napoli ma romano di adozione, inizia la sua attività teatrale nel 1981, studiando mimo, teatro e drammaturgia sotto la guida di Mario Santella, Michele Monetta, Massimo Perez, Yves Lebreton, Francesco Bovicelli. Una volta ottenuto il diploma di Maestro d’Arte, si trasferisce a Roma dove prosegue l’attività in teatro, cinema e televisione, incontrando maestri come Renato Campese, Mario Moretti, Gino Landi, Lindsay Kemp e Marcel Marceau.

Partito dalle Arti Grafiche, passa per il teatro per arrivare alla Drammaturgia e

Regia. Dal 2000 al 2007 è stato direttore artistico della sezione teatro dell’Associazione Fonòpoli per la quale cura la pubblicazione mensile “InFonòpoli” e firma diverse regie.

Nel 2005 fonda l’Associazione Culturale Millelire.

Firma diverse regie in vari teatri romani. Nel giugno 2012, insieme ad Antonio Lupi, inaugura il Teatro Millelire e ne è Direttore Artistico fino al giorno della sua scomparsa.

Tra i suoi testi ricordiamo:

Sono Diventato Etero!; È morta zia Agata; Bang! …ancora un giallo a fumetto!?? Tanti auguri a te! Mettiamoci a nudo c’è una festa.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma