Arte e psicoanalisi al Maxxi

Venerdì 17 marzo 2017, 18:30 - 20:00

LECTIO MAGISTRALIS DI MASSIMO RECALCATI

Il mistero delle cose. Riflessioni sulla pittura contemporanea

alla luce della psicoanalisi

L'opera d'arte, come sanno bene tutti i grandi artisti, intrattiene sempre un rapporto con l'assoluto, con l'irraffigurabile, con il reale, con l'impossibile. A partire dal suo ultimo libro Il Mistero delle cose. Nove ritratti di artisti, Massimo Recalcati incontra il pubblico per stimolare una riflessione sull'arte alla luce della psicoanalisi (venerdì 17 marzo alle ore 18:30, all'Auditorium del MAXXI, ingresso € 5, gratuito per i possessori di card myMAXXI, con possibilità di prenotazione del posto per i primi 10 scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it entro il giorno prima dell'evento fino a esaurimento posti).

Introdotto da Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI, Recalcati parte da alcune domande: è possibile raffigurare l'irraffigurabile, dare un'immagine all'inesprimibile, offrire un volto all'assoluto?

È questo il compito della grande arte e il filo rosso che unisce i nove artisti italiani – Giorgio Morandi, Alberto Burri, Emilio Vedova, William Congdon, Giorgio Celiberti, Jannis Kounellis, Claudio Parmiggiani, Alessandro Papetti e Giovanni Frangi – di cui Recalcati propone un ritratto ricco di suggestioni.

L'opera d'arte ci sveglia dal sonno della realtà ordinaria e ci mette di fronte al "mistero delle cose". L'arte non è una fuga, né un rifugio dall'incandescenza e dall'eccesso del reale propri della vita e della morte, ma la possibilità di incontrarne l'alterità e di ricordarci che c'è più grazia in una bottiglia o in uno straccio che nel volto dei santi.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma