Una carrellata sugli ultimi mesi del 1918 che ribaltano le sorti della guerra e portano l'Italia alla vittoria

Nell'ambito delle iniziative legate alla conclusione delle commemorazioni per la Grande Guerra, l'evento 1918-2018. Dal Piave a Vittorio Veneto, la Guerra degli Italiani, ospitato sabato 17 novembre 2108 al Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, intende riproporre in una rapida carrellata gli eventi salienti dell'ultimo anno di guerra combattuto sul fronte italiano, lungo la linea del Piave.

Qui l'esercito italiano, dopo la tragica rotta di Caporetto, riuscì a contenere la spinta bellica del nemico sino a ribaltare le sorti della guerra con la controffensiva finale di Vittorio Veneto, del 24 ottobre 1918, che, con il successivo armistizio di Villa Giusti, determinò la resa dell'Austria e la vittoria dell'Italia nel Primo Conflitto Mondiale.

A partire dal 9 novembre 1917 fu, infatti, il corso del fiume Piave, sino a quel momento solo strategica via di comunicazione tra le montagne e il mare, il nuovo confine italiano da difendere a qualunque costo dall'avanzata austriaca, che dopo Caporetto aveva occupato un vasto territorio italiano, pari a quasi due regioni, creando una quantità impressionante di profughi e prigionieri.

Una situazione tragica dalla quale l'Italia riuscì a risollevarsi anche grazie al sacrificio – enorme in termine di vite umane – di quei celebri ragazzi del '99 che, mandati appena diciottenni al fronte, vi portarono le energie fresche e motivate indispensabili per ribaltare una situazione ormai pesantemente compromessa.

Lungo le sponde del fiume sacro alla Patria, sull'altura del Montello come sul massiccio del Grappa, un anno di intensi combattimenti sarà così ripercorso con l'ausilio di un ricco apparato iconografico. La narrazione storica sarà arricchita inoltre dalla presentazione di alcuni cimeli autentici della Grande Guerra, che saranno illustrati per chiarire meglio le differenze tecniche e di equipaggiamento esistenti tra le diverse truppe impegnate negli scontri. Due divise storiche riproducenti fedelmente quelle in dotazione agli eserciti italiano e austro-ungarico, realizzate dalla Sartoria Storica Buosi, saranno infine presentate nelle loro peculiarità dal titolare, appassionato collezionista di divise della Prima Guerra Mondiale.

Intervengono: Mara Minasi, Giovanni Adducci, Remo Buosi


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma