Le iniziative: Calendario Civile, La rivoluzione forse domani, Arte in memoria 10 e la mostra Don't Kill 1938

? Lunedì 14 gennaio 2019 alle ore 17.30

E' in programma la presentazione del CALENDARIO CIVILE. Nell'ambito del progetto del Circolo Gianni Bosio con l'editore Donzelli e, a seguito della pubblicazione del libro "Calendario civile", a cura di Alessandro Portelli, quest'anno nasce la prima edizione di un vero e proprio calendario. L'idea è che rappresenti una proposta, un promemoria in grado di suggerire spunti e rinnovare, giorno per giorno, il ricordo di avvenimenti che hanno costruito la memoria laica, popolare e democratica del nostro Paese. Sono invitati a parlarne con Alessandro Portelli, una tra gli autori del libro, la storica Angiolina Arru, la coordinatrice Costanza Calabretta, il grafico Stefano Donegà, il disegnatore Marco Petrella e Sara Modigliani, accompagnata da Gabriele Modigliani che esegue alcuni brani contenuti nel CD di prossima pubblicazione, allegato al calendario 2019.

Iniziativa a cura del Circolo Gianni Bosio

 

? Giovedì 17 gennaio 2019 alle ore 17.00           

Presentazione del libro LA RIVOLUZIONE, FORSE DOMANI di Rosa Mangini (Divergenze, 2018).

E' la trascrizione di un manoscritto autografo, ritrovato in circostanze fortunose, che in poco meno di cento pagine riesce ad unire una storia d'amore e di umanità in tempo di guerra, l'inno appassionato per una terra, e una vicenda di resistenza prima della Resistenza, firmata da un'autrice coltissima e misteriosa. Una novella di valore storico e sociale incalcolabile.

Iniziativa a cura di ANPI

 

? Venerdì 18 gennaio 2019 alle ore 11.00 Kill 1938

Presentazione di ARTE IN MEMORIA 10 a cura di Adachiara Zevi.

La decima edizione di ARTE IN MEMORIA, la rassegna biennale di arte contemporanea di respiro internazionale ospitata dal 20 gennaio al 14 aprile 2019 nella Sinagoga di Ostia antica, vede come protagonisti gli artisti Ruth Beraha (Milano, 1986), Norbert Hinterberger (Altmünster, Austria, 1949), Zbigniew Libera (Pabianice, Polonia, 1959), Karyn Olivier (Trinidad e Tobago, 1968).

Sono presenti gli artisti e nel corso dell'incontro verrà presentato il catalogo di Arte in Memoria 9 e proiettato il film di Emiliano Auriemma, Arte in Memoria da 1 a 10.

Saluti: Hermine Aigner-Forum austriaco di cultura; Maria Rosaria Barbera-Direttore del Parco archeologico di Ostia Antica, John Ochsendorf-Direttore dell'American Academy in Rome, ?ukasz Paprotny-Direttore dell'Istituto Polacco di Roma.

Introduce: Adachiara Zevi, curatrice. Interviene: Wlodek Goldkorn, giornalista e scrittore. Modera Annabella Gioia, IRSIFAR.

Iniziativa IRSIFAR

 

Fino al 1 febbraio 2019 è in mostra l'installazione DON'T KILL 1938 di Fabrizio Dusi.

DON'T KILL 1938 è un'opera ideata appositamente per lo spazio della Casa della Memoria e della Storia di Roma, ed è anche il proseguimento di un'altra installazione, realizzata per la Casa della Memoria di Milano più di un anno fa, ora in esposizione permanente. In entrambi i casi la scritta DON'T KILL è posta sulle vetrate degli edifici, visibile all'esterno in un dialogo costante con il quartiere: un filo rosso per unire idealmente questi due spazi, entrambi dedicati alla memoria e alla storia del Novecento, e le due città.

Per Roma l'artista Fabrizio Dusi ha sviluppato il tema delle leggi razziali emesse dal governo Mussolini nel 1938, evocandolo già a partire da un grande arazzo che riproduce la prima pagina di un giornale dell'epoca.

La mostra, a cura di Chiara Gatti, è promossa da Roma Capitale - Assessorato alla Crescita culturale - Dipartimento Attività Culturali in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

 

                                                                                                                                   

 

 

 


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma