Performance studio liberamente ispirata a I negri di Jean Genet e ai fatti dei giorni nostri


Il 19 e 20 gennaio MACRO ASILO ospiterà NEGRI spettacolo per bianchi, performance ideata e diretta da Luigi Morra, prodotta da Etérnit in collaborazione con Lunarte.

Un primo studio liberamente ispirato a I negri di Jean Genet. Uno sguardo su questo momento storico in cui torniamo a parlare di razzismo, di bianchi e di neri, che mette al centro il concetto di distanza, intesa come spazio che ci allontana. Distanza che separa, come quella che a teatro separa il pubblico dagli attori e che trasforma il dramma in uno spettacolo a cui assistere comodamente, per commentare, senza la responsabilità di sentirsi coinvolti. Protagonista Ebrima Badjie, non un attore professionista, un ragazzo senegalese che oggi vive a Casanova di Carinola, in provincia di Caserta; è ospite di un CAS dove lavora come traduttore e mediatore culturale. Proprio a Casanova, ad agosto 2018, è iniziato questo progetto, con una residenza artistica nell'ambito del festival Lunarte. In scena anche Prince Manujibeya, le musiche originali dei Camera, luci e progetto video a cura di Domenico Catano.

Gran parte del testo attinge dal web, più precisamente dai social, trasformando esternazioni, pensieri e opinioni raccolte. La performance ha una durata di 20 minuti circa e replicherà più volte nel corso di ogni giornata: alle 12:00, alle 16:00 e alle 18:00, nella Black Room del museo Macro di Roma. NEGRI spettacolo per bianchi si inserisce all'interno dell'eclettica programmazione del progetto MACRO ASILO, ideato e curato da Giorgio de Finis, con l'intento di restituire al museo di arte contemporanea la sua funzione civica di istituzione che opera nel tempo presente sulla produzione di sapere, senso e conoscenza.   

Ideazione e regia: Luigi Morra

con: Ebrima Badjie, Prince Manujibeya

suono: Camera

luci e progetto video: Domenico Catano

una produzione Etérnit in collaborazione con Lunarte

 


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma