"LA GUERRA IN ITALIA: DONNE, UOMINI E TERRITORIO"

MOSTRA DIGITAL
a cura di Amedeo Osti Guerrazzi

Fondazione Museo della Shoah
19 maggio ore 18.00

Presentazione della mostra in diretta Facebook sulla pagina della Fondazione.

Visitabile online dal 20 maggio 2021:
www.secondaguerramondialeinitalia.it

Da giovedì 20 maggio sarà online la mostra fotografica virtuale La Guerra in Italia: donne, uomini e territorio realizzata dalla Fondazione Museo della Shoah. La mostra, fruibile sia in italiano che in tedesco, è realizzata in collaborazione con l'Ambasciata della Repubblica Federale di Germania in Italia, finanziata tramite il Fondo italo-tedesco per il Futuro e curata da Amedeo Osti Guerrazzi.
Divisa in otto sezioni complessive, Alleati, Tedeschi, Fascisti, Partigiani, Deportati, Ebrei, Vittime civili, Territorio, l'esposizione vuole mostrare gli effetti della guerra sulle persone e sul territorio, incentrandosi sulla violenza che colpisce le vittime e sugli effetti nella vita quotidiana delle persone.  
Amedeo Osti Guerrazzi, curatore della mostra racconta come "Guerra in Italia è una mostra fotografica virtuale, che intende raccontare gli effetti devastanti della violenza sulle persone. È una mostra sugli avvenimenti italiani del 1940-1945, ma ha un significato molto più ampio e generale. Attraverso l'utilizzo di grafiche innovative e fotografie provenienti da numerosi archivi italiani e stranieri, la mostra disegna un racconto del dolore applicabile a qualsiasi conflitto".
Mario Venezia, Presidente della Fondazione Museo della Shoah, afferma come "Collaborare con enti come il Governo della Repubblica Federale della Germania, attraverso la sua Ambasciata, che hanno sempre dimostrato sensibilità e attenzione ai temi della Memoria, ci permette di aumentare la consapevolezza del nostro passato, fondamentale per la costruzione di un futuro di pace e riconciliazione".
Anche per Viktor Elbling, Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania in Italia, "Questa mostra è un tassello importante nel mosaico dei progetti che la Germania appoggia tramite il Fondo italo-tedesco per il Futuro. Anche senza poter visitare fisicamente i luoghi della memoria, i giovani italiani e tedeschi devono mantenere il contatto con la nostra comune storia. Sono convinto che la mostra sarà un grande successo e ringrazio tutti coloro che vi hanno collaborato".

Ogni fotografia è accompagnata da testi e voci narranti di attori professionisti, come Micol Pavoncello e Fabio Ferrari, che spiegano al visitatore il contesto della fotografia stessa. Alcune fotografie inoltre sono accompagnate da video testimonianze di sopravvissuti e testimoni.

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Appuntamenti virtuali