Martedì 15 dicembre 2020, nuovo appuntamento del progetto Hidden Histories curato da Sara Alberani e Valerio Del Baglivo, protagonisti della videointervista con Daniela Ortiz e il collettivo Stalker, disponibile online dalle ore 12.30 sui siti indicati in calce.
In occasione della sospensione delle attività culturali imposta dall'emergenza sanitaria, l'intervista propone un approfondimento sulle pratiche artistiche in rapporto allo spazio pubblico, in particolare al permanere di simboli, architetture e storie che riguardano il passato coloniale e imperialista all'interno di molti contesti urbani.
Molte le riflessioni su cui Sara Alberani e Valerio del Baglivo si concentreranno insieme agli ospiti: cosa significa adottare un approccio decoloniale in campo artistico? Come interagire con comunità spesso lasciate ai margini delle storie ufficialmente riconosciute? Come recuperare e diffondere narrazioni storiche anti-egemoniche?
L'artista Daniela Ortiz e il collettivo Stalker rispondono alle seguenti questioni con una videointervista che a partire dalla presentazione delle loro pratiche, propone due approcci artistici per ripoliticizzare la memoria storica attraverso interventi sul patrimonio pubblico.
La videointervista è realizzata con il sostegno dell'Ambasciata di Spagna in Italia e rientra nel programma Hidden Histories, curato da Sara Alberani e Valerio Del Baglivo, per un apprendimento partecipato nel rileggere, reinterpretare e ricodificare il patrimonio storico-artistico di Roma.

Daniela Ortiz (Cuzco, 1985) Il suo lavoro mira a creare spazi di tensione al fine di esplorare le nozioni di razza, classe, nazionalità e genere e analizzare il comportamento sociale come una struttura basata sui meccanismi di inclusione ed esclusione. Negli ultimi anni ha realizzato diversi progetti di ricerca che mettono in discussione la migrazione globale, nonché le azioni contestualmente intraprese dagli stati e dalle società che ricevono i flussi migratori.
Stalker (Roma, 1995)  collettivo di artisti e architetti, che vanta una ventennale attività di ricerca e pratica sul territorio di Roma e non solo, con particolare attenzione alle aree di margine e ai vuoti urbani. La modalità di intervento è sperimentale, fondata su pratiche spaziali esplorative, di ascolto, relazionali, conviviali e ludiche, attivate da dispositivi di interazione creativa con l'ambiente investigato, con gli abitanti e con gli archivi della memoria. Tali pratiche e dispositivi sono finalizzati a catalizzare lo sviluppo di processi evolutivi auto-organizzanti, attraverso la tessitura di relazioni sociali ed ambientali, lì dove per abbandono o per indisponibilità sono venute a mancare.
Hidden Histories è un festival, ideato e curato da Sara Alberani e Valerio Del Baglivo, appositamente pensato per la città di Roma, che attraverso una serie di appuntamenti site-specific, tra cui performance, laboratori, talk e dibattiti pubblici, esplorazioni e camminate urbane recupera, rivive, racconta secondo un approccio critico e costruttivo il patrimonio della città. Hidden Histories è organizzato dall'Associazione Mariana Trench. Il progetto è vincitore dell'Avviso Pubblico "Estate Romana 2020 – 2021 - 2022", fa parte di Romarama 2020, il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale, ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

martedì 15 dicembre 2020, online dalle ore 12.30 
HIDDEN HISTORIES DIALOGUES
Agire lo spazio pubblico, pratiche artistiche decoloniali
videointervista dell'artista Daniela Ortiz e del collettivo Stalker, con Sara Alberani e Valerio Del Baglivo, curatori del progetto Hidden Histories

in collaborazione con Ambasciata di Spagna a Roma 

Indicazioni di partecipazione: la video intervista sarà disponibile su: www.piazzadispagna.es 
www.localesproject.org 
Facebook: localesproject

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Appuntamenti virtuali