Si apre una nuova settimana di eventi di Roma Culture. Tanti gli appuntamenti nell'ambito di Contemporaneamente Roma 2022, la stagione dedicata ai linguaggi più innovativi della cultura contemporanea proposti dalle associazioni vincitrici dell'avviso pubblico triennale di Contemporaneamente Roma 2022, e le iniziative promosse dalle istituzioni culturali cittadine. Prosegue, inoltre, la programmazione di PPP 100 - Roma racconta Pasolini, dedicata alla celebrazione del centenario pasoliniano. Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sono disponibili sul sito culture.roma.it e culture.roma.it/pasolini100roma e sui canali social di @cultureroma. Ecco alcuni degli appuntamenti della settimana.

LE BIBLIOTECHE DI ROMA A PIÙ LIBRI PIÙ LIBERI
Dal 7 all'11 dicembre il Roma Convention Center La Nuvola ospita la XXI edizione di Più libri più liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, promossa e organizzata dall'Associazione Italiana Editori – Aie. Le Biblioteche di Roma rinnovano la propria partecipazione alla manifestazione, dedicata quest'anno al tema Perdersi e ritrovarsi, con un ricco programma di iniziative, incontri, letture, laboratori e mostre, in collaborazione con Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Palazzo delle Esposizioni, Teatro di Roma, Goethe-Institut, Teatro Biblioteca Quarticciolo, Forum del Libro, Sapienza Università di Roma, e che prevede: 2 mostre, 40 attività per bambini e ragazzi tra presentazioni, letture e laboratori, 25 incontri sui progetti, le attività e i servizi delle biblioteche.
Tra gli eventi si segnalano nello Spazio Arena: il 7 dicembre alle 10.30 Silent book contest, incontro sui "libri senza parole", basati esclusivamente sulla sequenza delle immagini in cui l'assenza di testo elimina barriere di tipo linguistico o culturale. In compagnia di Giulia Silvia Ghia, Patrizia Zerbi, Fiorella De Simone e Francesca Gatto si parlerà di questi potenti strumenti di inclusione scelti come punto di partenza per lo sviluppo di un progetto di promozione culturale promosso dal I Municipio in collaborazione con l'Associazione Arte Ascolto, Biblioteche di Roma e Carthusia Edizioni. Parteciperanno anche i bambini che hanno avviato il progetto prendendo parte alla giuria del Silent Contest Junior e Irene Guglielmi, l'illustratrice di Io sono Blu, vincitrice lo scorso anno. Alle 12 il Sindaco Roberto Gualtieri e l'Assessore alla Cultura Miguel Gotor saranno protagonisti dell'incontro Roma fa il Patto (per la lettura) in cui si parlerà del Patto per la Lettura approvato a luglio da Roma Capitale. Interverranno anche Flavia Piccoli Nardelli e Marino Sinibaldi. Il 9 dicembre alle 12 l'Assessore Miguel Gotor torna in Sala Arena in compagnia di Mariarosaria Senofonte, Guido Ingrao e i Presidenti dei Municipi III, V, VII, VIII, XIII, XIV e XV per parlare di Next generation Rome. I nuovi poli civici culturali e di innovazione. Alle 15 appuntamento con La lezione di Don Sardelli, dedicato a don Roberto Sardelli, maestro, sacerdote e scrittore, scomparso tre anni fa, che si è battuto per il riscatto civile dei baraccati di Roma. Interverranno Ascanio Celestini, Massimiliano Fiorucci e Grazia Napoletano.

Nello Spazio Ragazzi, inoltre, in programma letture, mostre dedicate alle fiabe e con opere di grandi illustratori di libri per l'infanzia; laboratori interattivi e musicali rivolti ai giovani lettori e presentazioni di novità editoriali in collaborazione con piccoli e medi editori. 

TEATRO E DANZA
Al via la XVI edizione di Teatri di Vetro, il festival proposto dall'associazione culturale Il Triangolo Scaleno e con la direzione artistica di Roberta Nicolai che indaga i processi di creazione delle arti sceniche contemporanee. Titolo scelto quest'anno è Oscillazioni. Dall'11 al 18 dicembre al Teatro India e al Teatro del Lido di Ostia un ricco programma di performance, elaborati scenici, opere, dispositivi, co-creazioni di 20 compagnie di artisti. Tra gli eventi in programma: al Teatro del Lido l'11 dicembre appuntamento con quattro performance, Never young. Game over, con Francesca Macrì, Andrea Trapani e i partecipanti al progetto performativo realizzato con una selezione di adolescenti e preadolescenti delle scuole di Roma (ore 17); Passo Uno con Michael lncarbone ed Erica Bravini (ore 19), Diario elementare a cura di Marta Bichisao e Vincenzo Schino con Pietro Gaglianò, C.L. Grugher, Sabrina Rigoni e i partecipanti al laboratorio Madrelingua (ore 18). Al Teatro India, il 12 dicembre vanno in scena: Miss Lala al Circo Fernando / in a room con Chiara Frigo e Marigia Maggipinto (repliche alle ore 18, ore 19 e ore 20); Never Young_Appunti scritto da Francesca Macrì, che ne cura anche la regia, e Andrea Trapani, anche in scena (ore 21); Matrice – Da Ana Mendieta di e con Alessandra Cristiani (ore 22). Il 13 dicembre, sempre al Teatro India, appuntamento con Nel labirinto delle traduzioni, un dialogo tra Mara Cerri, Chiara Lagani e Nadia Terranova a partire dal fumetto L'Amica geniale (Coconino Press, 2022), introduce Giovanni Ferrara, direttore editoriale di Coconino (ore 17); a seguire, L'amica geniale a fumetti, spettacolo tratto dalla graphic novel di Mara Cerri e Chiara Lagani, quest'ultima anche in scena con Luigi De Angelis (ore 20); la serata prosegue con Diario performativo con Alberto Canu, Samantha Marenzi, Ivan Macera, Maddalena Gana e Alessandra Cristiani (ore 21) e The Red Thing, spettacolo di danza di e con Giuseppe Vincent Giampino e Riccardo Guratti (ore 22). I biglietti possono essere acquistati il giorno stesso dello spettacolo. 

Al Palazzo delle Esposizioni, in occasione della mostra Mario Merz. Balla, Carrà, De Chirico, De Pisis, Morandi, Savinio, Severini, il Laboratorio d'arte propone l'11 dicembre alle 11 Dance Well, una lezione aperta e inclusiva per vivere l'esperienza unica di danzare tra le opere esposte in collaborazione con l'associazione Parkinzone onlus. Partecipazione gratuita inclusa nel biglietto d'ingresso. 

In chiusura anche la terza edizione di DRAG ME UP – Queer Art Festival, il progetto a cura di Ondadurto Teatro, con la collaborazione artistica delle Karma B e di HoliDolores, che ha portato sul palco il mondo queer accendendo i riflettori su diverse arti performative come il dragging, il pop, la performing art, il cabaret e la stand up comedy. Il 7 dicembre alle 21 al Teatro Centrale Preneste (via Alberto da Giussano 58) torna Cabarecht... Il Live di e con le Karma B e HoliDolores che condurranno il pubblico in un viaggio attraverso le contraddizioni e le ipocrisie della società, fondendo il mondo del drag con varietà, cabaret e physical theatre. Le tre performers torneranno sul palco, questa volta al Teatro Biblioteca Quarticciolo (via Ostuni 8), l'11 dicembre alle 21 con Drag Me Up Show – Realoded in compagnia di differenti artist? provenienti dalla scena drag: un café-chantant che unirà il genere della rivista, dell'avanspettacolo e del cabaret per un finale "scintillante". 

Fino al 18 dicembre al Teatro Belli di Antonio Salines (piazza Sant'Apollonia 11a) continua TREND – Nuove frontiere della scena britannica, l'unica rassegna in Italia interamente dedicata alla drammaturgia contemporanea inglese a cura di Rodolfo Di Giammarco. Il 7 dicembre seconda replica di Angel of Kobane di Henry Naylor (traduzione di Carlo Sciaccaluga): un flusso di coscienza che prende spunto dalla storia vera di una giovane contadina kurdo-siriana che avrebbe voluto studiare e invece entra a far parte dell'esercito schierato contro l'ISIS. In scena Anna Della Rosa diretta da Simone Toni. Dal 9 all'11 dicembre va in scena Yen di Anna Jordan (traduzione di Massimo Roberto Beato) diretto da Jacopo Bezzi: vincitrice del Bruntwood Prize 2013, l'opera esplora un'infanzia vissuta senza confini e le conseguenze dell'essere costretti a crescere da soli; il 12 dicembre prima replica di Fucked di Penny Skinner (traduzione di Francesca Romana degl'Innocenti e Marco M. Casazza) con Chiarastella Sorrentino e la regia di Martina Glenda: F, in una spirale di flashback, ripercorre a ritroso il suo viaggio dall'adolescenza all'età adulta. Prenotazioni allo 06.5894875 o scrivendo a botteghino@teatrobelli.it. Spettacoli alle ore 21. Biglietti acquistabili sul sito www.teatrobelli.it. Proseguono, inoltre, gli spettacoli on demand: l'8 dicembre sempre alle 21 c'è Heisenberg di Simon Stephens tradotto, adattato e diretto da Carlo Emilio Lerici. Sul palco Francesca Bianco e Antonio Salines che, nei panni di Georgie e Alex, portano in scena le conseguenze del loro incontro in un'affollata stazione ferroviaria di Londra. I biglietti possono essere acquistati sul sito www.teatrobelli.it. Il giorno della rappresentazione sarà fornito via mail un link che darà accesso al portale dove si potrà assistere allo spettacolo.

L'8 dicembre alle 11.30 al Teatro Villa Pamphilj va in scena lo spettacolo tratto dal libro leggendario La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene di Pellegrino Artusi dal titolo L'eredità di Pellegrino Artusi, una specialissima versione di Anarchy in the U Kitchen, il format ideato nel 2020 per una fruizione in streaming, scritto e interpretato da Anna Maria Piccoli che nelle due edizioni realizzate durante il periodo del lockdown raggiunse decine di migliaia di visualizzazioni.  Ora l'attrice torna tra i fornelli dal vivo accompagnata dalle note del basso di Carlo Amato (Tetes de Bois), che sin dall'inizio ha condito musicalmente ogni ricetta di Anarchy, e con la regia di Valeriano Solfiti. Per info e prenotazioni allo 06.5814176.

Al Teatro Tor Bella Monaca, in Sala Grande, dal 7 all'11 dicembre (da mercoledì a sabato ore 21, domenica ore 17.30) NoGravity porta in scena lo spettacolo di danza Pasolini a corpo nudo. Studio sull'identità di genere ispirato a Caro Pier Paolo di Dacia Maraini (Neri pozza, 2022). Una donna maschile allo specchio che cerca la propria identità sessuale, con dolcezza, con forza, con entusiasmo vitale e con abbandono, passivo e attivo, uomo e donna allo stesso tempo. Ogni movimento del corpo segue l'incedere e il ritmo della frase, ogni gesto gioca con l'accento di una parola. Ogni momento è congelato in un istante, in una visione, una fotografia. Lo spettacolo vede in scena MARIANA ed Emiliano Pellisari, autori anche delle coreografie. Voci e testi sono di Dacia Maraini. Sempre in Sala Grande, il 13 dicembre alle 21, in replica fino al 18 dicembre, La Macchina del Suono propone la prima replica di Selezione naturale (Boom Boom Boom), spettacolo di Xavi Moratò (Premio Ciutat de Manacor de Teatro Jaume Vidal i Alcover nel 2015), tradotto da Annamaria Martinolli e diretto da Alessandro Maggi. In scena Roberto Andrioli, Fabrizio Checcacci e Lorenzo Degl'Innocenti. Con il pretesto di un'intervista a Eric, cantante di successo, prima del concerto del secolo, Max e Piero, nomi che poi si riveleranno inventati, cominciano a realizzare il loro progetto perverso. Ancora in scena fino al 10 dicembre, alle 21 in Sala Piccola, il musical Off-Broadway di Jason Robert Brown 5 anni, una storia d'amore raccontata in modo particolare. Regia di Fabrizio Checcacci, con Elena Talenti e Roberto Rossetti; al pianoforte Massimiliano Grazzini. 

Al Teatro Biblioteca Quarticciolo, per Orbita | Spellbound – Centro di Produzione Nazionale della Danza, il 10 dicembre alle 17.30 va in scena Healing Together, restituzione della residenza creativa tenutasi dal 5 al 10 dicembre. Una nuova creazione di gruppo, coreografata da Daniele Ninarello e restituita dai performers Vera Borghini, Loredana Canditone, Silvia Brazzale e Raffaele Tori. Una serie di brevi azioni coreografiche chiamate "proteste silenziose" create durante i periodi di lockdown e dedicate al concetto di "corpo della protesta". Biglietti presso la biglietteria del teatro. Nell'ambito della rassegna Quarticciolo. Cartografia Umana, il 13 dicembre prima replica alle 21 di E riapparvero gli animali, spettacolo con cena del Teatro delle Ariette sul testo omonimo di Catherine Zambon con Paola Berselli e Stefano Pasquini che ne curano anche testi, traduzione e regia. In un futuro distopico che assomiglia drammaticamente al nostro presente, la protagonista è una donna di settant'anni che, dopo aver attraversato l'Epoca dei Grandi Contagi e il lungo periodo di Riorganizzazione Faunistica e Sanitaria, si trova a confrontarsi con la realtà di un mondo nuovo, moderno e crudele, indurito, buio e senza pietà. Ingresso gratuito previa prenotazione obbligatoria.

Per il Teatro di Roma – Teatro Nazionale, fino al 18 dicembre, Massimo Popolizio è sul palco del Teatro Argentina con Furore. L'attore presta corpo e voce all'opera scritta da John Steinbeck nel 1939, e adattata per la scena da Emanuele Trevi, premio Strega 2021, con le musiche eseguite dal vivo da Giovanni Lo Cascio. Uno spettacolo di travolgente attualità, che ha saputo impregnare di verità umana le pagine di un capolavoro della narrativa americana. L'epico affresco della Grande Depressione che racconta una delle più devastanti migrazioni di contadini della storia moderna, attraverso un viaggio di sfinimento, sopraffazione, paura e speranze, verso la terra sognata della California. Orari: martedì e venerdì ore 20, mercoledì, sabato e giovedì 8 dicembre ore 19, domenica ore 17; lunedì riposo. 

MUSICA
In corso il Festival di Nuova Consonanza che per questa 59ª edizione ha scelto il titolo Musica in movimento. Fino al 18 dicembre flussi, storie, intrecci di eventi, in cui la musica si muove verso la danza, le performance, la parola, l'innovazione. Tra gli appuntamenti in programma: nel Teatro Studio Borgna dell'Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone, l'8 dicembre alle 21 il Parco della Musica Contemporanea Ensemble diretto dal M° Tonino Battista, presenta il concerto finale frutto del workshop sulla composizione sotto la guida di Luca Francesconi e dedicato alla figura del compositore milanese (biglietti online su https://www.ticketone.it). Alla Pelanda dell'ex Mattatoio (piazza Orazio Giustiniani 4) il 9 dicembre c'è Comporre dialogante, concerto del Laboratorio di Improvvisazione tenuto da Alessandro Sbordoni; il 10 dicembre alle 18 sul palco Nuove musiche per fisarmonica da concerto con i fisarmonicisti Fabrizio Causio, Stefano Di Loreto, Riccardo Pugliese e Umberto Turchi; alle 21 ancora un concerto per fisarmonica con De l'intérieur che vedrà protagonista Fanny Vicens. L'11 dicembre alle 20 Images from far, concerto per strumenti ed elettronica con il Syntax Ensemble diretto da Pasquale Corrado; alle 21.30 appuntamento con Tabulæ, concerto per due perfomers e live electronics con Jacopo Mazzonelli, Eleonora Wegher e Matteo Franceschini. Il 12 dicembre alle 20 va in scena Tierkreis, evento-spettacolo in cui Samuele Telari (fisarmonica) e Francesco Palmieri (chitarra elettrica) dialogano con le sculture sonore create da Simone Pappalardo; alle 21 c'è Apparition con il duo formato da Valeria Matrasova (soprano) e Ilaria Baldaccini (pianoforte) che presentano un programma da Mauricio Kagel a Luciano Berio, da Gilberto Bosco a George Crumb.

Non si ferma la programmazione di Musica per Roma all'Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone. Doppio appuntamento l'8 dicembre: grande attesa per il concerto di Jack Savoretti che in Sala Sinopoli presenterà il suo ultimo album, Europiana, arrivato a due anni dal successo di Singing to Strangers, che ha debuttato al primo posto nella classifica UK. Poi ancora, nello Studio 2, per il ciclo Lezioni di ascolto, secondo incontro con Giancarlo Valletta e Giulio Salvioni dedicato all'Audio Low Cost: nel corso dell'appuntamento si mostrerà con esempi concreti come si possa ottenere un buon suono spendendo cifre ragionevoli. Tutti gli eventi sono alle ore 21. 

Il 7 dicembre alle 20.30 nella Sala Sinopoli dell'Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone debutta per l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia il giovane pianista Alexander Gadjiev, salito recentemente alla ribalta per essersi aggiudicato a Varsavia il secondo premio del concorso pianistico Fryderyk Chopin, tra i più prestigiosi al mondo. In questo suo primo appuntamento ceciliano eseguirà la Polonaise-Fantaisie op. 61, tra gli esiti più alti del pianismo di Chopin, il Preludio op. 45 e la Seconda Sonata, composta nel 1839, che contiene nel terzo movimento la celebre Marcia funebre, fulcro emozionale dell'intero lavoro. Chiuderà il programma la Fantasia op. 17 di Robert Schumann. In Sala Santa Cecilia, l'8 dicembre alle 19.30 Antonio Pappano tornerà sul podio dell'Orchestra e del Coro di Santa Cecilia per A Est di Vienna (repliche il 9 dicembre alle 20.30 e il 10 dicembre alle 18). In apertura di programma, dirigerà la Sinfonia n. 101 "L'orologio" di Franz Joseph Haydn, così chiamata per l'andamento iniziale del secondo movimento, Andante, dove fagotti, violini, violoncelli e contrabbassi sembrano imitare il ticchettio di un orologio. Seguiranno le composizioni di due autori slavi: il Psalmus Hungaricus di Zoltán Kodály per tenore (lo statunitense Clay Hilley), coro e orchestra su testo di Mihály Kecskeméti. In chiusura di serata risuoneranno le Danze slave op. 72 di Antonin Dvo?ák. Si torna in Sala Sinopoli il 12 dicembre alle 20.30 per il concerto del pianista russo Mikhail Pletnev che eseguirà celebri brani di Johannes Brahms come la Rapsodia op. 78 n. 1 e gli Intermezzi op. 117 e una selezione dai Sei pezzi per pianoforte op. 118. Queste esecuzioni verranno intervallate dalle composizioni del boemo Antonin Dvo?ák come le Humoresques op. 101, i Quadri poetici e il Moderato in la maggiore. 

ARTE
Al MACRO il 10 e l'11 dicembre si svolgeranno due giornate di incontro, con la partecipazione di oltre 40 ospiti, dedicate alla ricorrenza dei vent'anni dalla nascita del Museo d'Arte Contemporanea di Roma. Sabato (dalle 15 alle 19) si ripercorrerà la storia del museo con l'intervento delle personalità che si sono succedute alla sua direzione. La giornata di domenica (dalle 12 alle 19) si svilupperà attorno a una serie di tavoli tematici legati al rapporto tra il museo e la città. Ingresso gratuito.

Prosegue fino al 15 dicembre il progetto Street art for Rights a cura di Taste&Travel che intende portare l'arte nei quartieri con contesti difficili della periferia di Roma adottando i 17 Goals dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile dell'ONU. Due le opere in fase di realizzazione nel quartiere Settecamini. Il primo è dedicato all'obiettivo 12 (Consumo sostenibile) che l'artista Etnik sta declinando in Casa nella Casa (via di Settecamini 104), murale che oltre a essere una visione sulla vera e propria architettura abitativa dedicata ai temi ecologici e di riciclo, è allo stesso tempo uno spunto a lavorare su se stessi e sulle nostre abitudini quotidiane. È dedicata all'obiettivo 13 (Lotta al cambiamento climatico) l'opera di Fabio Petani (via di Settecamini 102) che raffigura un ghiacciaio che si scioglie e che si trasforma in un deserto. Il tutto racchiuso all'interno di una clessidra astratta che sta a rappresentare il passare del tempo, prezioso per salvare il nostro ecosistema. Accesso libero. 

Negli spazi della stazione metro Cavour prosegue Art Stop Monti, il progetto prodotto da Nufactory che porta al pubblico le opere di cinque artisti con altrettanti talk di approfondimento condotti dalla giornalista Fabrizia Ferrazzoli. Tema di quest'edizione è Futura: gli artisti sono chiamati a interrogarsi sul futuro ripartendo dall'essere umano e dalla sua condizione nel mondo attuale per una rivoluzione quanto mai necessaria. Fino al 17 dicembre i due billboard della stazione metro ospitano le opere site specific dell'artista Laurina Paperina che dal 12 dicembre, sui canali web della manifestazione, racconterà il suo approccio al progetto in un talk di approfondimento con Nufactory.

Nel foyer del Teatro del Lido di Ostia fino al 23 dicembre è visitabile la mostra Lo stato delle città a cura di Mirko Pierri e proposta da a.DNA project che espone le copertine dei primi 10 numeri dell'omonima rivista illustrate da cyop&kaf, Irene Servillo, ottoeffe, otarebill, Daniele Nitti, Miguel Angel Valdivia, gino, sam3, Mario Persico, ericailcane. Ingresso libero negli orari di apertura della biglietteria: venerdì, sabato e domenica 17-20. 

Al Palazzo delle Esposizioni, per la seconda edizione della rassegna Mostre in mostra, fino al 26 febbraio 2023 è in corso, a cura di Daniela Lancioni, l'esposizione intitolata Mario Merz. Balla, Carrà, de Chirico, de Pisis, Morandi, Savinio, Severini che venne allestita alla Galleria dell'Oca di Roma il 15 marzo del 1978. Una mostra nata dalla collaborazione tra Luisa Laureati Briganti, fondatrice della storica Galleria, e i galleristi Luciano Pistoi e Gian Enzo Sperone. Riconosciuta dai testimoni e dagli studiosi come una pietra miliare nella storia delle esposizioni contemporanee, la mostra colpisce per l'accostamento, all'epoca considerato spregiudicato, tra i lavori di Mario Merz – esponente di spicco della neoavanguardia che aveva minato tecniche e processi tradizionali dell'arte – e i dipinti dei maestri del Novecento italiano. Il sabato alle ore 18 e la domenica alle ore 12.30 è possibile partecipare alle visite guidate a cura di Coopculture (per un massimo di 25 persone) con un supplemento al prezzo di ingresso. 

Tra le iniziative promosse dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali si segnalano gli appuntamenti proposti dal ciclo Archeologia in Comune tra i quali: il 7 dicembre alle 14.30 la visita guidata all'Area archeologica del Teatro di Marcello, a cura di Stefania Pergola; il 10 dicembre alle 9.30 l'incontro, a cura di Rita Volpe, all'Area archeologica di piazza Manfredo Fanti, dove si conserva un consistente tratto delle mura cosiddette "Serviane"; l'11 dicembre alle 11 la visita guidata, a cura di Simonetta Serra, al Complesso archeologico di San Paolo alla Regola.
Il 10 dicembre, alle 10 e alle 11, tornano le visite alla Casa Museo Alberto Moravia, per scoprire il lato pubblico e privato di uno dei personaggi centrali della cultura italiana del '900.
Per la partecipazione alle visite guidate è obbligatoria la prenotazione al call center 060608 (attivo tutti i giorni ore 9-19).

La programmazione del Planetario di Roma il 9 e il 13 dicembre alle 17 propone Ritorno alle stelle Recorded, una visita guidata nello spaziotempo, attraversando gli scenari mitici delle costellazioni, sorvolando pianeti, nebulose e galassie, mentre il 10 dicembre (ore 11, 17 e 18) in Ritorno alle stelle live la visita nello spaziotempo verrà guidata e raccontata dal vivo dagli astronomi del Planetario.

INCROCI ARTISTICI
La galleria commerciale della Stazione Tiburtina ospita fino all'11 dicembre #InTransito - esperienze creative, il progetto prodotto dall'associazione culturale Music Theatre International   che per questa terza edizione ha scelto come tema guida Le Rotte di Gaia: i Viaggi dell'Umanità. Un ricco programma, realizzato in collaborazione con Grandi Stazioni Retail e con il supporto del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. Di seguito, le attività disponibili tutti i giorni, dalle 13 alle 19, al secondo piano della galleria: diverse le iniziative a cura di Tomaso Thellung come il Social Wall interattivo, i contenuti della piattaforma RAI PlaySound messi a disposizione dei viaggiatori in formato podcast con focus sul viaggio scaricabili gratuitamente inquadrando i QRcode nello spazio #InTransito, La capsula del tempo, postazione audio digitale su cui il pubblico potrà registrare brevi messaggi audio, e Rotte sostenibili, tavole, fotografie e testimonianze di viaggio fruibili in diverse modalità nello spazio di #InTransito 3. L'artista Sergio Gotti, inoltre, porta alla Stazione Tiburtina Le rotte di Gaia, una grande installazione in cartone che illustrerà gli emisferi e i continenti e l'azione-impatto dell'uomo sull'ecosistema. Sarà visibile anche una mostra fotografica delle tre fotografe Lucia Baldini, Nicoletta Diamanti e Rosellina Garbo sul tema La memoria viva (visiva) delle tradizioni vissute nelle comunità. Questa settimana, ultimi tre appuntamenti del ciclo Percorsi di parole, quattro incontri condotti da Gioacchino De Chirico per raccontare il viaggio da altrettanti punti di vista: il 7 dicembre Andrea Pomella parlerà di come viaggiare rappresenti un'occasione di informazione e di conoscenza di altre culture e di altri popoli; il 9 dicembre è la volta di Luciano Allamprese che spiegherà al pubblico come il viaggio possa essere anche un'occasione per prendere contatto con la propria dimensione interiore; chiude l'11 dicembre Ilaria Gaspari che parlerà del viaggio come esplorazione dei sentimenti umani e dei diversi modi di intendere la felicità (dalle 18 alle 19). L'8 e il 10 dicembre dalle 17 alle 19 arrivano le Escursioni girovaghe dal mondo, due appuntamenti a cura di Mihaela Mitrut e in collaborazione con la Blue World International Academy nel corso dei quali diverse nazioni del mondo saranno raccontate attraverso i loro abiti tradizionali. Il 10 dicembre dalle 17 alle 19 secondo appuntamento de La lampada dei desideri, performance del calligrafo arabo ed artista Amjed Rifaie. Dall'8 all'11 dicembre dalle 13 alle 19 con Incursioni creative verranno esposti gli abiti progettati e realizzati dagli alunni delle classi 5D, 5E e4G della sezione Design della moda del Liceo artistico Enzo Rossi ispirandosi al tema del viaggio. Ingresso libero. 

Continua 6 1 MITO, il progetto installativo a cura di Q Academy nato come esperienza in realtà aumentata site specific all'interno del quartiere Eur. Dopo Venere e Diana, protagonista di questa terza annualità sarà Minerva. Fino al 31 dicembre, attraverso un'App in realtà aumentata che trasforma lo smartphone in un "locative media", ogni partecipante potrà "inseguire" la dea passeggiando nelle aree esterne aperte al pubblico intorno all'edificio della Nuvola di Fuksas (marciapiede fra viale Asia, viale Shakespeare e via Cristoforo Colombo). La piattaforma di realtà aumentata impiegata è gratuita.

CINEMA
Inizia con una presentazione editoriale la settimana di programmazione della Casa del Cinema. Il 7 dicembre, infatti, alle ore 18.30, gli autori Gerry Guida e Fabio Melelli racconteranno al pubblico in sala la loro ultima pubblicazione Profumo di donna. Un percorso di ri-nascita e ri-conoscenza (Cultura e dintorni, 2022), dedicata a uno dei film più importanti di Dino Risi. A dialogare con loro lo storico e docente di Storia del Cinema Flavio De Bernardinis.
Dall'8 al 10 dicembre, si terranno, invece, Le giornate del cinema romeno con una selezione di film provenienti dal paese europeo introdotti, nella giornata inaugurale di giovedì alle 19, dalla conferenza Una retrospettiva sulla cinematografia romena tenuta dalla critica e storica Manuela Cernat. A seguire, alle 19.30, è previsto il primo film in programma Il resto è silenzio, presentato dal suo regista Nae Caranfil. Nei giorni successivi si proseguirà con Le dune degli sciacalli di Napoleon Helmis (9 dicembre ore 18.30), Marocco di Emanuel Pârvu (9 dicembre ore 21), 2 biglietti della lotteria di Paul Negoescu (10 dicembre ore 16.30), Oltre la ferrovia di C?t?lin Mitulescu (10 dicembre ore 18.30) e La nostalgia della dittatura di Marius Barna (10 dicembre ore 21).
Nell'ambito della rassegna La Shoah nel cinema italiano, l'11 dicembre alle ore 11, si terrà la proiezione del film Concorrenza sleale di Ettore Scola introdotto da Isabella Insolvibile e Silvia Scola (prenotazione obbligatoria a eventi@museodellashoah.it).
Sempre domenica, dalle ore 16.30, si terrà anche la rassegna a cura di Alfredo Baldi in collaborazione con la Cineteca Nazionale dal titolo Aule, corridoi, giardini, teatri: il CSC si specchia nel cinema, con una lunga serie di filmati d'archivio e di film ambientati nei locali del Centro Sperimentale di Cinematografia.
Infine, continua la rassegna Heimat l'integrale con gli episodi di Heimat 3 - Cronaca di una svolta epocale dal titolo Arrivano i russi (10 dicembre ore 20) e Stanno tutti bene (11 dicembre ore 20), mentre fino al 19 dicembre si potrà visitare gratuitamente la mostra Passeggiate romane di Cinema, con le foto di Paolo Grana che testimoniano le serate open air della storica rassegna Passeggiate Romane, con le proiezioni dei grandi film del passato nelle location in cui questi vennero girati. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Prosegue il 48 Hour Film Project Roma, l'edizione italiana di uno dei contest per giovani filmmakers più noti e attesi dagli aspiranti professionisti del settore e che si svolge con successo da quasi 30 anni in 140 città in tutto il mondo. I partecipanti al concorso, a cura di Le Bestevem, hanno avuto 48 ore, dal 18 al 20 novembre, per scrivere la sceneggiatura, preparare le riprese, scegliere i costumi e la scenografia, girare, montare e missare un cortometraggio di 7 minuti contenente 3 elementi obbligatori comunicati 5 minuti prima della partenza del countdown. Fino all'11 dicembre sarà possibile votare online, attraverso i commenti, i cortometraggi in concorso, disponibili sul canale YouTube de Le Bestevem. Prima del gran finale del 14 dicembre, il 12 dicembre dalle 20.30 alle 22 il Cinema Odeon (piazza Stefano Jacini 22) ospita una serata a ingresso gratuito in cui saranno assegnati i premi minori. 

PPP100 – ROMA RACCONTA PASOLINI
Per il progetto espositivo Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO coordinato e condiviso da Azienda Speciale Palaexpo di Roma, Gallerie Nazionali di Arte Antica e MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo che intendono celebrare, nelle rispettive sedi museali, la figura del regista, scrittore e artista, proseguono le tre mostre. A Palazzo delle Esposizioni è visitabile fino al 26 febbraio 2023 Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO. Il corpo poetico, a cura di Giuseppe Garrera, Cesare Pietroiusti, Clara Tosi Pamphili e Olivier Saillard (co-curatore per la sezione dedicata ai costumi). Un'accurata selezione di oltre 700 pezzi che vanno a comporre un ritratto "corporeo" e inedito del grande intellettuale italiano. Al centro del percorso espositivo, lo spazio circolare della Rotonda di Palazzo delle Esposizioni è trasformato in una grande sala-lettura in cui sono presenti numerose edizioni di libri su e di Pier Paolo Pasolini liberamente fruibili dal pubblico. Dal martedì alla domenica ore 10-20 (ultimo ingresso un'ora prima). Biglietti online su https://ecm.coopculture.it. Il 7 dicembre alle 18 appuntamento con Spot! 20 minuti un'opera: il curatore Giuseppe Garrera guiderà il pubblico in un'interessante visita guidata nel corso della quale approfondirà temi, protagonisti e storie delle opere esposte. Partecipazione gratuita inclusa nel biglietto d'ingresso. 

Nell'ambito della mostra, nella Sala Cinema del Palazzo delle Esposizioni, si conclude la rassegna cinematografica Pasolini prossimo nostro a cura dell'Azienda Speciale Palaexpo e del Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale che propone film (in pellicola 35mm) di Pasolini e di altri registi che hanno trattato tematiche simili alle sue o che a lui si sono ispirati. Questi gli ultimi due appuntamento in calendario: il 7 dicembre la proiezione di Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975), film in cui Pasolini lancia la sua accusa estrema alla società contemporanea e alla sua falsa tolleranza rappresentando un inferno di torture e perversioni che i rappresentanti del potere infliggono ai corpi di giovani prigionieri in una villa lager. L'8 dicembre è in programma Pasolini prossimo nostro (2006), film di Giuseppe Bertolucci che riprende una lunga intervista inedita rilasciata al giornalista tedesco Gideon Bachmann dallo stesso Pasolini proprio sul set di Salò o le 120 giornate di Sodoma; dal dialogo emerge un lucido attacco alla società e viene messo a nudo tutto il pessimismo e la disperazione che il poeta e regista ha accumulato negli anni. Proiezioni alle ore 20. Ingresso libero fino a esaurimento posti con prenotazione obbligatoria dalle ore 9 del giorno precedente alla proiezione fino a un'ora prima.

Legata a Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO. Il corpo poetico è anche la mostra Pier Paolo Pasolini ed Ezra Pound. A Pact, a cura di Giuseppe Garrera. Al MACRO, il percorso espositivo ripercorre l'incontro televisivo tra Pasolini e Pound avvenuto nel 1967 come punto di arrivo di un percorso di odio, ripensamento e ricongiungimento. Una selezione di documenti storici, articoli di giornali e libri contestualizza l'evoluzione del rapporto tra i due ripercorrendo una storia di devozioni, dubbi, perplessità, considerazioni sul ruolo della poesia. La mostra è visitabile gratuitamente fino al 19 febbraio 2023. Orari: dal martedì al venerdì ore 12-19, sabato e domenica ore 10-19. Lunedì chiuso. Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.

A Palazzo Barberini, invece, fino al 12 febbraio si può visitare Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO. Il corpo veggente, mostra a cura di Michele Di Monte che esplora il ruolo determinante dell'ispirazione della tradizione artistica nel cinema e nell'immaginario figurativo pasoliniano. Il percorso espositivo, concepito come un "montaggio", illustra il potere di sopravvivenza delle immagini trasfigurate dall'obiettivo poetico di Pasolini. Visitabile dal martedì alla domenica ore 10-19 (ultimo ingresso ore 18). Biglietti su https://www.ticketone.it. Fino al 5 febbraio 2023, ogni domenica alle ore 11, salvo le prime domeniche del mese, in programma visite guidate per adulti a cura di Si pArte! ASP.

Al MAXXI continua, inoltre, Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO. Il corpo politico a cura di Hou Hanru, Bartolomeo Pietromarchi e Giulia Ferracci. In questa esposizione la chiave di lettura dell'opera pasoliniana è restituita attraverso le voci di artisti contemporanei le cui opere evocano l'impegno politico dell'autore e l'analisi dei contenuti sociali ispirati alle sue opere. L'esposizione è visitabile dal martedì alla domenica dalle 11 alle 19 (la biglietteria è aperta fino a un'ora prima della chiusura del Museo). Biglietti online su https://maxxi.archeoares.it. In occasione della mostra, presentando in biglietteria un biglietto di Palazzo delle Esposizioni o delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini, si avrà diritto a un ingresso ridotto al Museo; la promozione è valida fino al 12 marzo 2023.

KIDS
Con l'arrivo di dicembre nelle Biblioteche di Roma torna Natale in biblioteca, un mese nel segno della creatività, dei libri e del divertimento dedicato ai piccoli lettori, con un programma ricchissimo per trascorrere insieme i giorni che ci separano dal Natale. Tra gli appuntamenti in programma si segnalano: il 7 dicembre alla Biblioteca Vaccheria Nardi alle 16.30 le letture ad alta voce Tana per i libri! per bambini di 3-7 anni, a cura del personale della biblioteca e delle volontarie del Servizio civile (massimo 10 partecipanti, prenotazione obbligatoria: 06.45460491 - ill.vaccherianardi@bibliotechediroma.it); alle 17 alla Biblioteca Laurentina, letture ad alta voce per bambini dai 3 ai 6 anni, attraverso alcuni poetici albi illustrati sulle più belle storie sul Natale (prenotazione obbligatoria: 06.454 60760 - laurentina@bibliotechediroma.it); alla Biblioteca Galline Bianche alle 16.30 le letture di Natale Facciamo l'albero! (ingresso fino ad esaurimento posti).
Doppio appuntamento il 10 dicembre: nella Biblioteca Elsa Morante alle 10.30 L'albero dei desideri letture ad alta voce e laboratorio creativo per bambini di 4-8 anni, a cura di Eleonora Papa e Arianna Stefani, volontarie del Servizio civile (prenotazione obbligatoria alla mail ill.elsamorante@bibliotechediroma.it o al numero 06.45460481-483); alla Biblioteca Villino Corsini alle 11 Un Natale da leggere, letture ad alta voce a cura del Circolo di Lettura della Biblioteca; sarà letta una selezione di brani, poesie, racconti e filastrocche, di scrittori italiani e stranieri, legati al tema natalizio (info: 06.45460691).

Nella Sala Piccola del Teatro Tor Bella Monaca l'11 dicembre appuntamento alle 17 con lo spettacolo Il folletto ciabattino scritto e diretto da Gigi Palla con Armando Sanna e Gabriella Praticò. Protagoniste sono delle scarpe magiche come quelle d'argento di Dorothy nel Mago di Oz, o gli stivali del gatto di Perrault; scarpe che ballano come quelle piccole e rosse di Andersen, o come quelle logore dei fratelli Grimm. Tutte queste favole ama raccontare il ciabattino alla sua signora, ma a forza di raccontarle si distrae e non riesce mai a terminare per tempo il suo lavoro. E adesso: come fare? Ma nella notte, proprio come in una favola, sarà l'intervento di un misterioso folletto di nome Leprechaun ad aiutare il vecchio ciabattino nel corso di tante notti fino al sopraggiungere della magica notte di Natale. Per bambini dai 4 ai 10 anni, biglietti su https://www.vivaticket.com.

Per la programmazione del Teatro di Roma – Teatro Nazionale dedicata al pubblico dei ragazzi, al Teatro Torlonia il 10 (ore 18) e l'11 dicembre (ore 17) appuntamento con Armando – Lettere (R)esistenti, spettacolo scritto da Domenico Ferrari, Rita Pelusio ed Enrico Messina, che ne cura anche la regia. Sul palco Enrico Vezzelli che porta in scena una storia vera che unisce tre generazioni. Tra forma epistolare, ricordi d'infanzia e immagini che profumano di pane caldo, lo spettacolo racconta ai più piccoli l'orrore della guerra e della tirannia con la leggerezza e lo sguardo un po' fuori luogo del clown. Per adulti e bambini fino agli 8 anni.

Nell'ambito di Ti racconto Roma per Scegli il Contemporaneo, la rassegna a cura di Senza titolo s.r.l., il 10 dicembre alle 16 appuntamento dedicato ai più piccoli con la visita animata alla mostra Mario Merz – Balla, Carrà, de Chirico, de Pisis, Morandi, Savinio, Severini in corso a Palazzo delle Esposizioni, per conoscere da vicino la poetica di Mario Merz a confronto con quella di alcuni tra i maestri del Novecento italiano. Tecniche e materiali differenti diventeranno occasione per mettersi alla prova con brevi attività da sperimentare durante il percorso, consentendo ai partecipanti di immergersi nei linguaggi dell'arte contemporanea italiana. Prenotazione obbligatoria solo via mail a info@senzatitolo.net fino a esaurimento posti.

Al Palazzo delle Esposizioni, l'11 dicembre alle 11, nell'ambito della mostra Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO, quinto appuntamento con Costumi di scena, il percorso animato in mostra con laboratorio per ragazze e ragazzi dai 7 agli 11 anni. Un'attività per familiarizzare con manichini, cartamodelli, stoffe e passamanerie, e realizzare in piccolo un costume di scena. 

Il 13 dicembre alle 17, invece, presso lo Spazio Forum (ingresso via Milano, 13), è in programma Non è mai troppo presto, letture animate per bambini e bambine da 1 a 3 anni. Libri da guardare, toccare, esplorare per i più piccoli e tanti consigli di lettura per mamma, papà, nonni e zii. 

Tra le iniziative promosse dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e dedicate alle famiglie e ai bambini, l'11 dicembre alle 16 appuntamento con il ciclo Lab For Family che alla Centrale Montemartini propone il laboratorio Un'avventura in famiglia per adulti con bambini di 6-12 anni (max 20 partecipanti), alla scoperta di un museo "senza tempo" in cui i volti delle statue esposte raccontano, attraverso letture animate da bambini e genitori, storie e leggende mitologiche greche e romane. Ancora l'11 dicembre dalle 11 alle 12.30 alla Villa di Massenzio, nell'ambito della mostra in corso MEMINI Me. Ricordami, si terrà Il mio fiore per te, laboratorio per bambini di 4-12 anni per realizzare fiori di carta tridimensionali e con la tecnica del collage. L'attività è occasione per sensibilizzare anche i più giovani al rispetto per le donne e per far comprendere come anche l'impegno artistico possa rivelarsi forma di contrasto alla violenza. A cura di Manuela Troilo (Associazione Culturale Officina Creativa Le Lase). Per la partecipazione ai due laboratori è obbligatoria la prenotazione al call center 060608 (attivo tutti i giorni ore 9-19).
Al Planetario di Roma invece l'8 e il 10 dicembre alle 12 e l'11 dicembre alle 12 e alle 18, tornano invece gli appuntamenti con Girotondo tra i Pianeti, lo spettacolo giocoso e interattivo per bambini e per i loro genitori, in cui la sala del Planetario è un'immaginaria rampa di lancio verso i pianeti del sistema solare. Dopo aver imparato a riconoscere i pianeti nel cielo stellato (guidati dagli astronomi del Planetario), i bambini come piccoli astronauti tracceranno poi la rotta della loro missione spaziale partendo su un taxi interstellare verso i loro pianeti preferiti. Biglietti sul posto.

Informazioni, orari e prezzi

Programma completo e aggiornamenti su:
www.comune.roma.it
culture.roma.it
#NatalediRoma2022
FACEBOOK: cultureroma
INSTAGRAM: cultureroma
TWITTER: culture_roma
#CultureRoma
#ContemporaneamenteRoma2021 
#contemporaneamenteroma

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Attività