Camminare con e dentro la Natura, per essere e sentirsi in forma

Stanno ormai terminando le vacanze estive e tra poco riprenderà l’attività di Nordic Walkingreen, camminare con e dentro la Natura, per essere e sentirsi in forma, ma non solo, anche per stare bene con se stessi e con gli altri. Camminare almeno un paio di volte a settimana per 60/120 minuti porta numerosi benefici all’organismo: dalla perdita di peso al rafforzamento di ossa ed articolazioni, dal miglioramento dell’umore ad un innalzamento delle performance cognitive. Camminare semplicemente camminare con un ritmo che ci consente di parlare con chi condivide l’allenamento, ha straordinarie conseguenze benefiche sull’organismo e sulla psiche:
1. Riduce pressione sanguigna e colesterolo, due fattori importantissimi per prevenire complicazioni cardiache. Sono molteplici gli studi i quali provano che camminare riduce del 30-40% i rischi di infarto e ictus.
2. Rispetto alla corsa brucia molto più grasso facendo perdere maggior peso senza controindicazioni . Nella corsa infatti, si bruciano soprattutto zuccheri, nel camminare, si utilizza come combustibile per lo più grasso. Camminare aiuta anche ad evitare di riprendere i chili persi, pericolo sempre dietro l’angolo dopo una dieta dimagrante.
3. Nessuna controindicazione. Sia quando si hanno problemi alle ossa o alle articolazioni, quando si è fortemente in sovrappeso, o del tutto fuori allenamento.
4. Rafforza ossa e articolazioni, aumentando la densità dei minerali che compongono lo scheletro. Inoltre, essendo un’attività meno impegnativa rispetto a quelle ad alto impatto come l’aerobica, il footing o jogging , riduce decisamente il rischio di cadute..
5. Un antidepressivo naturale, i nostri muscoli attivandosi producono molecole importanti come le endorfine e la serotonina che rialzano l’umore. Camminare con regolarità porta ad una diminuzione dello stress e della depressione, facilita il sonno e ci fa vedere la vita mentalmente ed emotivamente in modo più positivo.
6. Migliora le attività cognitive anche più di faticosi esercizi o dello stretching. Lo ha evidenziato uno studio condotto su 124 persone sedentarie, dopo un allenamento basato sul walking per 45 minuti 3 volte alla settimana per 6 mesi. Questa attività, stimolando le funzioni cardiorespiratorie, aumenta l’irrorazione di sangue al cervello, migliorandone di conseguenza le funzioni.
Il programma delle camminate è quello ormai classico: una prima parte 20/25 mm. dedicata al riscaldamento e alla mobilità articolare, con esercizi molto soft e non traumatici, 40-45 minuti (per cominciare) di camminata con i bastoncini, alternati con pause attive per riprendere e mantenere in forma il fisico, 10/15 minuti di allungamento e respirazione consapevole. E allora cosa aspetti? VIENI A CAMMINARE CON NOI!


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma