I bambini giocano, inventano storie, personaggi, voci… sempre

Il teatro fa la stessa cosa e lo spettacolo Marina si rifiuta parte proprio da questa semplice riflessione. Il teatro come spazio della libertà, della fantasia, del proibito, lo spazio dove tutto è possibile, ed è lì che si sviluppa la nostra proposta che ha come obiettivo quello di parlare ai bambini del rispetto per l'ambiente ma anche rispetto per chi accanto a noi in questo ambiente vive. La protagonista, una romantica barbona, si racconterà agli spettatori mostrando con disincanto e fervore la sua scelta di combattere per un mondo più sano. Complessi e buffi personaggi che Marina ha creato attraverso la "sua" raccolta differenziata faranno da importante cornice scenografica dello spettacolo il cui intreccio drammaturgico tocca note divertenti, sarcastiche, serie e anche tenere. La storia è inoltre accompagnata da interessanti informazioni sul riciclaggio. Siamo infatti convinti che la presenza di massicce campagne di informazione scolastica possano diventare una delle importanti strategie del futuro per la tutela dell'ambiente. Alla fine della messa in scena i bambini vedranno mettere in pratica come dal riutilizzo di materiale di scarto si possano creare oggetti "spettacolari". Un esperto dimostrerà il procedimento di creazione che verrà poi messo in atto anche dai bambini, stimolando la loro fantasia e creatività e offrendo all'imsegnante un punto di vista flessibile e divertente per un utilizzo multidisciplinare e vario.



Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma