Nel ruolo di Eco nella rara partitura di Scarlatti

La mezzosoprano Beatrice Mercuri è impegnata il 10 giugno a Roma al Gianicolo al Bosco Parrasio nel ruolo di Eco nella rara partitura di Scarlatti, recuperata da Lorenzo Tozzi, eseguita per la prima volta in assoluto, in occasione del terzo centenario della morte della Regina Maria Casimira di Polonia.

Un lavoro importante di ricostruzione, revisione e adattamento di Lorenzo Tozzi per produrre un prodotto eccellente, un concerto di nicchia per offrire al pubblico, per la prima volta in assoluto, l'ascolto di una rara partitura ritrovata del giovane Domenico Scarlatti: "Amor d'un'ombra e gelosia d'un'aura" ovvero "Eco e Narciso". Venerdì 10 giugno alle ore 17 nel suggestivo Bosco Parrasio in via di Porta San Pancrazio 32 al Gianicolo, Beatrice Mercuri mezzosoprano nel ruolo di Eco, Angelo Bonazzoli sopranista nel ruolo di Narciso e il Romabarocca Ensemble, sotto la direzione di Lorenzo Tozzi, con i costumi di Ilaria Scullino dell'Accademia di Belle Arti Roma, daranno vita all'importante esecuzione in forma di concerto, che sarà registrato dalla Bongiovanni di Bologna. L'evento organizzato in occasione del terzo centenario della morte della regina Maria Casimira di Polonia, gode del sostegno del l'accademia dell'Arcadia e il Museo del Palazzo del Re Giovanni III Sobieski a Wilanów (Varsavia), già residenza reale di Maria Casimira e Giovanni Sobieski e del patrocinio dell'Ambasciata di Polonia in Italia. "In mancanza della partitura dell'opera romana messa in scena il 20 gennaio 1714 nel Teatro domestico della Regina di Polonia Maria Casimira Sobieska a Palazzo Zuccari a Trinità dei Monti , composto e dedicato "alla Maestà Sua da Carlo Sigismondo Capeci suo Segretario, fra gli Arcadi Metisto Olbiano, e posto in musica dal Sig. Domenico Scarlatti Maestro di Cappella di Sua Maestà" -ci spiegano - sono state recuperate, nell'ordine di apparizione originale dalla partitura inglese di Scarlatti su rimaneggiato libretto di Paolo Rolli (Londra. Haymarket, 1720) tutte le arie e i recitativi di Eco e Narciso (testo di Capece) successivamente riutilizzate". Un lavoro certosino e ben eseguito di quel che resta della partitura perduta "romana", per un recupero importante nel panorama musicale. In caso di pioggia lo spettacolo si svolgerà alla Biblioteca Angelica, in piazza sant'Agostino. Personaggi e interpreti : Eco (ninfa sotto il nome di Aura) Beatrice Mercuri (mezzosoprano) ; Narciso Angelo Bonazzoli (sopranista).Oboe e flauto Carolina Pace; Violini Paolo Perrone, Ewa Augustynowicz; Viola Gianfranco Russo; Violoncello Matteo Scarpelli; Tiorba Stefano Maiorana; Cembalo e direzione Lorenzo Tozzi. Il concerto sarà introdotto dal professor Gaetano Platania su "Maria Casimira Sobieska tra politica ed arte nella Roma di primo Settecento".


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma