Si svolgerà sabato 30 Maggio, alle 22.00 presso il Teatro Tendastrisce di Roma il concerto di Gianni Celeste in memoria di Federico Perna. Il concerto, senza fini di lucro, è stato organizzato dalla “Federico Perna Onlus”, nata a seguito della morte del ragazzo per volontà della madre del giovane e l’intero ricavato del concerto verrà devoluto in beneficenza ed utilizzato per scopi benefici dalla stessa organizzazione.
Federico Perna, morto nel novembre del 2013 nel carcere di Poggioreale era originario di Latina e, per l’accumularsi di varie condanne era finito in carcere per scontare una pena di 9 anni totali. Malato di epatite C e di cirrosi epatica cronica, il ragazzo, però, aveva bisogno di cure che la madre Nina, insiste a dire “non ha mai ricevuto a sufficienza”. Inoltre, le condizioni di salute del giovane erano state definite “incompatibili al carcere”, ricorda la madre. Il motivo della morte sarebbe un’ischemia. Ma la battaglia legale della madre Nina e dell’avvocato Taormina prosegue per fare luce sulle circostanze del decesso.
Ospitata più volte in numerosi programmi tv, la madre del ragazzo ha espresso la convinzione di trovarsi di fronte a un caso poco chiaro, viste le condizioni del cadavere del giovane.
Il ricavato del concerto servirà, dunque, all’Associazione Onlus Federico Perna Diritti e Doveri per aiutare i detenuti e le famiglie dei detenuti e per portare avanti la battaglia della madre di Federico per il rispetto dei diritti umani dei detenuti.
Lo stesso Gianni Celeste, artista neomelodico amato da Federico, si è offerto di tenere il concerto gratuitamente, così che il totale ricavato venga utilizzato per la battaglia che la onlus sta portando avanti per il rispetto e la tutela dei diritti umani di ogni persona, affinchè, come spiega la madre Nina “non ci siano più morti di carcere”.
“So che amavi tanto la mia musica, spero possa farti riposare in pace”, afferma Gianni Celeste.

Informazioni, orari e prezzi

Ore 22.00

Dove e quando

Concerti - XMas del M° Erika Zoi
Concerti - Vascello in musica: classica senza limiti