Mercoledì 1 marzo alle 18.00 nell'Auditorium "Ennio Morricone" dell'Università di Roma "Tor Vergata" (Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) per la stagione dei concerti organizzata dall'Associazione Roma Sinfonietta sono di scena le danze, i tenores, le launeddas e i canti a chitarra della Sardegna, con alcuni dei solisti e dei gruppi più noti nel campo della musica tradizionale sarda. A sottolineare il legame molto forte tra queste musiche e il ballo interverranno due coppie di danzatori.

Introducono Giorgio Adamo dell'Università di Roma "Tor Vergata" e Marco Lutzu dell'Università di Cagliari, che è stato il responsabile scientifico della grande Enciclopedia della Musica Sarda pubblicata dall'Unione Sarda.
La musica tradizionale sarda, oltre ad essere molto varia e ricca e a presentare delle caratteristiche uniche al mondo, ha la particolarità di essere tuttora molto diffusa e presente nelle campagne e anche nelle città dell'isola. La giovane età di alcuni dei musicisti che partecipano al concerto è la testimonianza di come questa musica sia ancora una realtà viva e non un reperto del passato.
Il canto a tenore, che ha avuto il riconoscimento di patrimonio culturale dell'umanità dall'Unesco, sarà eseguito dal gruppo Tenore Supramonte di Orgosolo. Questo tipo di canto è tipico della Barbagia, mentre sono diffuse nel sud e lungo la costa occidentale dell'isola le launeddas, unico esempio al mondo di clarinetto triplo, le cui tre canne vengono suonate da un unico esecutore con la tecnica delle respirzione continua. Si pratica in tutta la Sardegna il canto a chitarra, che è tuttora molto richiesto nei matrimoni, nelle feste di paese e in altre occasioni di festa.

Informazioni, orari e prezzi

Biglietti: E. 12,00; Ridotti E. 8,00; Studenti E. 5,00
Acquistabili anche all'Auditorium "E. Morricone" da mezz'ora prima del concerto

Info:
06 3236104, 06 32111712, 339 8693226
romasinfonietta@libero.it
www.romasinfonietta.com

Dove e quando

Concerti - Vascello in musica: classica senza limiti
Concerti - Assolo. Lucilla Galeazzi in "La mia Voce"