Il dialogo di Leopardi messo in musica da Guido Ricci

Si svolgerà lunedì 16 aprile alle 18.00 l'ultimo concerto della stagione organizzata da Roma Sinfonietta presso l'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" (Auditorium "Ennio Morricone", Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1).  

Nella prima parte è in programma una novità assoluta di Guido Ricci, che ha messo in musica il Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere, una delle più famose delle "Operette morali" di Giacomo Leopardi. I due personaggi del dialogo sono interpretati dal tenore Anselmo Fabiani e dal baritono Bruno Taddia, con l'accompagnamento del flauto di Bruno Lombardi, del violoncello di Paolo Andriotti e del pianoforte di Antonello Maio. La visione pessimistica di Leopardi è espressa in questo dialogo in modo quasi sereno, mettendo da parte i toni sarcastici e amari di altre sue opere. Ma quando il venditore di almanacchi gli chiede quale anno della sua vita vorrebbe rivivere, il passante deve ammettere di non voler tornare indietro a nessuno degli anni precedenti: la concezione della vita umana da parte di Leopardi è dunque sempre negativa, ma questa volta il poeta sembra dire che bisogna comunque resistere al nichilismo e continuare a sperare.

Nella seconda parte si volta decisamente pagina e si ascoltano arie e duetti delle due più brillanti opere comiche di Gaetano Donizetti, coetaneo di Leopardi, cantate da Anselmo Fabiani e Bruno Taddia. Dell'Elisir d'amore si ascoltano due arie - "Quanto è bella, quanto è cara" e la celeberrima "Furtiva lacrima" - e i duetti Belcore-Nemorino e Dulcamara-Nemorino. Il baritono propone anche l'aria "Bella siccome un angelo" del Don Pasquale.

Un dialogo di Leopardi messo in musica da Guido Ricci

in prima esecuzione assoluta,

con il tenore Anselmo Fabiani e il baritono Bruno Taddia,

che interpretano anche arie e duetti di Donizetti


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma