Un concerto decisamente cult. Un evento che avrà un sapore unico ed irripetibile. Il ritorno sulle scene romane, in grande stile, di Flavio Giurato. Tutto solo in scena. Che non si sa quando inizia e che non si sa quando finisce. Ma soprattutto che non si sa cosa accade in scena. Lui, come sempre, si vede e non si vede. Può alzarsi e andarsene. Oppure rimanere fisso, inchiodato, immobile, in silenzio. Oppure in movimento musicale come un forsennato.
Cantautore romano di culto, oggetto di uno sfrenato collezionismo, artista sensibile e imprevedibile nella vita e sul palco, si presenta nella prestigiosa cornice rinnovata del Teatro Ambra alla Garbatella, con le sue innumerevoli e colorate chitarre, per raccontare, non solo una storia in musica lunga oltre trent’anni, ma anche per presentare, in anteprima assoluta, le canzoni del suo nuovo disco che ha una data di uscita ancora da definire. Ma che, a partire dal titolo, già si annuncia come l’ennesima opera cult: La scomparsa di Majorana.
Nel concerto di Flavio Giurato si ascolteranno così, da una parte, alcune delle sue opere più belle, brani intensi, sfuggenti, sempre nuovi, ricchi di profonde verità e disarmanti confessioni: Valterchiari, Praga, Introduzione, IL Rondone, Orbetello, Il Manuale del cantautore, Marco e Monica, Mauro, Silvia Baraldini, La grande distribuzione. Per poi aprire uno squarcio potente in musica su questa nuova opera molto attesa e da tanto tempo rimandata, perché Giurato non ama mai mettere la parola fine sulle sue opere musicali, ma le rimaneggia all’infinito, come la creta, come fossero materia incandescente. Dopo sette anni dall’ultima opera, Giurato presenta il mitico album La scomparsa di Majorana i cui brani ci impongono un ascolto unico ed irripetibile: Italia Italia, Tres Nuraghes, I cavalieri del Re, Gatton Gattoni, la Banda del topini, La scomparsa di Majorana, In caso di cura…
Ad impreziosire il contesto musicale, sarà poi la proiezione di alcuni filmati. Degli strani video fuori sincrono, da lui stesso girati, montati e commentati. Come delle ombre, come un film del pensiero che accompagna e sottotitola la sua stessa musica.

FLAVIO GIURATO Biografia
Il suo esordio discografico risale al 1978, con Per Futili Motivi, vinile mai ristampato su CD e attualmente reperibile solo nei negozi e nei siti di rarità per collezionisti. Il disco successivo, Il Tuffatore (1982), fortemente lanciato e sostenuto negli anni Ottanta dalla trasmissione televisiva Mr. Fantasy di Carlo Massarini e Marco Polo (1984), sono stati invece ripubblicati su CD nella collana “Urlo” della CGD, ma da molti anni non sono più reperibili nei negozi. Nonostante il silenzio discografico durato per quasi vent’anni, Flavio Giurato ha continuato a scrivere canzoni e, a volte, a suonare dal vivo per il puro piacere di farlo. Il suo “culto” ha continuato a diffondersi sul web, attraverso siti a lui dedicati, MP3 da scaricare online, lo scambio di materiale. Anche alcune canzoni dell'album Il manuale del cantautore erano apparse su Vitaminic nel 2002, disco che finalmente viene dato alle stampe a novembre 2007, edito da Interbeat, distribuito da Egea.

Informazioni, orari e prezzi

Teatro Ambra alla Garbatella

ore 22,00

Intero: 15 € + 2,25 € diritto di prevendita
Ridotto: 12 € + 1,80 € diritto di prevendita

Info e prenotazioni: 06/81173900

info@ambragarbatella.com

www.ambragarbatella.com

Puoi anche acquistarli in tutti i punti vendita Green Ticket e on-line su

www.greenticket.it.

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Concerti