Sanjust, Biseo, Ronciglione, Munari

Per la seconda serata di riapertura, il Cotton Club rende omaggio ai "pilastri" del jazz italiano.

Gianni Sanjust al clarinetto. Nella sua infinita carriera musicale ha suonato con artisti che hanno fatto la storia del jazz come Chet Baker e Lee Konitz e molti altri. Conosciuto al grande pubblico per la sua partecipazione nel film ''C'era una volta in America" di Sergio Leone. Ha curato numerose musiche per progetti cinematografici. Tra le più note la colonna sonora del II episodio di "Capriccio all'italiana", "Il Mostro della Domenica" con la regia di Steno.

Riccardo Biseo, pianista, compositore, arrangiatore, numerose collaborazioni da Anita O'Day, Massimo Urbani , Tony Scott e molti altri.In campo cinematografico ha scritto e arrangiato e diretto la musica di vari films come ''Storia di una Capinera'' di Franco Zeffirelli e ''L'ultimo Imperatore" di Bertolucci e molti altri.

Giorgio Rosciglione al contrabbasso. Primo contrabbassista dell'orchestra della RAI, ha collaborato con Mina, Lelio Luttazzi, Ennio Morricone, Armando Trovajoli e molti altri... In campo jazzistico ha suonato e collaborato con Lee Konitz, Tony Scott, Johnny Griffin, Freddie Hubbard. I figli Dario, Michel e Fabiana hanno intrapreso la carriera musicale seguendo le orme del padre, così come il nipote Gabriele (in arte Kaligola) apparso nell'ultima edizione del Festival di Sanremo nella categoria "Giovani" vincendo il premio della critica come "Miglior Testo" dove a dirigerlo, vi era lo stesso Giorgio.

Gegè Munari, la storia della batteria jazz in Italia. Maestro dei più grandi batteristi contemporanei come Roberto Gatto, Fabrizio Sferra, vanta numerose collaborazioni di grande prestigio come Gato Barbieri, Bruno Canfora, George Coleman, Cedar Walton.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma