Messa «Vestiva i Colli» a tre cori di Ruggero Giovannelli, Ensemble Festina Lente

Nell’ambito degli eventi correlati alla mostra Barocco a Roma. La meraviglia delle arti, in corso presso Fondazione Roma Museo-Palazzo Cipolla, mercoledì 1 luglio 2015 alle ore 21.00, nella chiesa dei Santi Luca e Martina, si terrà il concerto «In memoria di Pietro da Cortona», con ingresso libero al pubblico.

Il Maestro Michele Gasbarro dirigerà la Messa a tre cori «Vestiva i Colli » di Ruggero Giovannelli (Velletri 1560-Roma 1625), successore di Giovanni Pier Luigi da Palestrina e fra i principali artefici della musica sacra del Seicento romano.

La composizione, rielaborando il famoso tema del madrigale omonimo di Giovanni Pierluigi da Palestrina, seduce per la sensibilità della sonorità spaziale integrata mirabilmente al rigore formale della polifonia «osservata» cinquecentesca. La sovrapposizione delle 12 voci, il senso prospettico del contrappunto e l’esaltante policromia delle sonorità, tutta giocata fra «ripieni» e «soli», sono gli elementi costitutivi della composizione e, più in generale, di un arte che, lontano dal tempo, ha portato a considerare il compositore veliterno come «valoroso compositore da chiesa e da camera… che nell’opere composte ad 8 e 12 voci fece sentire, nei suoi tempi, movimenti leggiadri e sbattimento di cori non più uditi…» (Giuseppe Ottavio Pitoni)

La messa «Vestiva i colli» di Ruggero Giovannelli, trascritta da un manoscritto conservato presso l’archivio Capitolare della Basilica di Santa Maria in Trastevere, viene presentata dall’Ensemble «Festina Lente» seguendo la scansione liturgico-musicale di una messa ideata «in memoria» di Piero da Cortona. Un ricco organico vocale e strumentale alterna le parti dell’Ordinario a 12 voci a brani vocali e strumentali ispirati dai soggetti sacri delle grandi opere pittoriche realizzate dal grande artista cortonese. Un evento significativo e di grande suggestione, quello in programma, che intende rendere omaggio ad uno dei più grandi protagonisti del Barocco romano, che «coll’abilità e col merito della professione, unito a tant’altre belle qualità aveva guadagnato l’affetto, la stima e l’amicizia di tutta Roma». (L. Pascoli, Vite de’ pittori, scultori ed architetti moderni, Roma 1730).

Il concerto, promosso dalla Fondazione Roma-Arte-Musei, è organizzato da Roma Festival Barocco con la collaborazione dell’Accademia Nazionale di San Luca.

La Chiesa

La chiesa dei Santi Luca e Martina, raramente aperta al pubblico, rappresenta la «figlia diletta» di Pietro da Cortona, che la edificò completamente a sue spese e che lì trova sepoltura. La struttura, già sede dell’Accademia di San Luca, reca i caratteri iniziali della cultura barocca e nella cripta, anch'essa opera di Pietro da Cortona, conserva preziosi rilievi di Alessandro Algardi.

Concerto

«In memoria di Pietro da Cortona»

Messa «Vestiva i Colli» a tre cori di Ruggero Giovannelli

Ensemble Festina Lente

Direttore Michele Gasbarro


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma