Mercoledì 1 febbraio alle 18.00 all'Auditorium "Ennio Morricone" dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" (Macroaerea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) la stagione di concerti organizzata da Roma Sinfonietta propone un incontro-concerto con uno dei più interessanti compositori di oggi, Marco Betta, che dialogherà con due personalità di spicco del teatro italiano, quali Roberto Andò e Ruggero Cappuccio, e proporrà l'ascolto di alcune sue composizioni, eseguite dal Gruppo Strumentale Musica d'Oggi.

Marco Betta non era ancora trentenne quando si è imposto all'attenzione del mondo musicale - e non solo - partecipando all'opera collettiva in memoria di Falcone e Borsellino Requiem per le vittime della mafia, su testi di Vincenzo Consolo. Si è dedicato soprattutto alla musica per il teatro, componendo opere, balletti e musiche di scena (e anche musiche da film). La sua passione per l'opera lo ha portato a dedicarvisi anche come organizzatore, in qualità di direttore artistico del Teatro Massimo di Palermo dal 1994 al 2002.
Si segnalano per l'originalità dell'argomento alcune sue opere e balletti ispirati alle avventure del commissario Collura di Andrea Camilleri, che in un caso ha prestato anche la sua voce alla loro realizzazione. Ma le collaborazioni più intense sono quelle con Roberto Andò e Ruggero Cappuccio, che hanno scritto i testi per alcune delle opere musicate da Betta e ne hanno anche curato la regia.
Betta, Andò e Cappuccio discuteranno insieme di queste opere e del teatro musicale contemporaneo in generale. Alle loro parole si alterneranno alcuni frammenti dell'opera "Sette storie per lasciare il mondo" e delle musiche per il film "Viaggio segreto", nate dalla collaborazione di Betta con Andò, e dell'opera "Natura viva" e delle musiche per il film "Paolo Borsellino essendo stato", nate invece dalla collaborazione con Cappuccio. Simultaneamente saranno proiettate anche alcune sequenze dei film di Andò e Cappuccio.


Inoltre Betta proporrà all'ascolto alcuni brani di un compositore da lui particolarmente amato: il primo, il sesto e il decimo dei "Dieci Aforismi" per panoforte di Dmitrij Shostakovic.

Suonano il Gruppo strumentale Musica d'Oggi e il pianista Michelangelo Carbonara.

Dove e quando

Concerti - Vascello in musica: classica senza limiti
Concerti - XMas del M° Erika Zoi