Recital pianistico di Krisztina Fejes

Venerdì 23 febbraio p.v. alle ore 20.30 presso la Sala Liszt dell'Accademia d'Ungheria in Roma (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1) si terrà il recital pianistico "Italiani senza confini" di Krisztina Fejes. Introduzione e commenti critici a cura di Alessio Elia. 

Il programma della serata ad ingresso libero prevede musiche di B.Galuppi, D. Scarlatti, M. Clementi, A.Elia. 

Krisztina Fejes, pianista

Nata a Cegléd. Incominciò a studiare pianoforte all'età di 5 anni sotto la guida di Zsuzsanna Hadobas Vermes a Szolnok. Il suo talento venne ben presto notato poiché all'età di 10 anni aveva già vinto ben due volte i concorsi di pianoforte regionali e all'età di 12 anni fu finalista al concorso di pianoforte Lajos Papp. Proseguì i propri studi al Conservatorio Béla Bartók di Budapest sotto la guida di Imre Hargitai e Zoltán Benk?. Nel 2003 venne ammessa all'Accademia di Musica Ferenc Liszt di Budapest. Tra i suoi professori ricordiamo László Baranyay, Balázs Szokolay e Attila Némethy. Parallelamente agli studi partecipò a numerosi concorsi nazionali ed internazionali aggiudicandosi dei premi rilevanti. Si esibisce regolarmente sia in Ungheria sia all'estero sia da solita sia in varie formazioni. Il suo repertoir va dalla musica classica a quella contemporanea. È specializzata nell'esecuzione delle opere di Liszt e Bartók. Nel 2011 ha vinto la borsa di studio Annie Fischer, nel 2012 le venne assegnato il premio ARTISJUS. 

Alessio Elia (Roma, 1979)

Tra i compositori più originali della nuova generazione (la Repubblica, Muzsika, Radio Vaticana, Die Rhein-Neckar-Zeitung) Alessio Elia si è formato in ambito internazionale, studiando composizione in Italia, Ungheria e Germania. La sua musica è regolarmente eseguita in tutto il mondo nei più importanti festival e sale da concerto. La sua produzione recente focalizza sull'uso simultaneo di diversi sistemi d'intonazione, in un procedimento compositivo da lui denominato "polisistemismo" presentato alla Cité de la Musique a Parigi nel 2014.  Ha ricevuto numerosi premi, tra cui il primo premio assoluto con il brano Rejtett dimenziók (Dimensioni nascoste) nella categoria orchestrale del concorso internazionale UMZF 2013, edizione dedicata a Ligeti con Péter Eötvös presidente di giuria. Tra le recenti attività il suo Octet, pubblicato da Universal Music Publishing – Editio Musica Budapest è stato registrato da I Solisti della Scala di Milano diretti da Andrea Vitello e pubblicato in Cd da Warner Classics. 


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma