La storica band con 15 anni di tour internazionali ed oltre 10 album alle spalle

Spesso genialità ed istrionismo sono stati definiti follia da chi non ha avuto l'acutezza di notarne la differenza ed è questa sottile linea di confine la strada che i KULTUR SHOCK hanno lucidamente scelto di percorrere sin dalla loro fondazione.

Con ben 15 anni di tour internazionali ed oltre 10 album alle spalle la storica punk/balcan/metal band di Seattle ha da poco intrapreso il tour nel quale celebra 20 anni di attività.

Si esibiranno in Europa attraversando Spagna, Italia, Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Serbia, Montenegro, Bulgaria ed Ungheria.

Per l'occasione alcuni ex membri sono stati invitati a prendere parte ai concerti ed inoltre, per alcune date, sarà al loro fianco anche Edo Maajka, l'eclettico artista con cui hanno recentemente prodotto il doppio singolo "Tales of the Two Gurus, vol 2", subito diventato una hit internazionale.

Ribelli delle tonalità, incompromettibili anticonformisti. Una band unica al pari del suo sound, da sempre coinvolto in un continuo e camaleontico cambiamento.

Mixando la loro fonte d'ispirazione primaria (ossia la ricchissima tradizione popolare balcanica) con Rock, Punk, Metal e Hip Hop i Kultur Shock si sono contraddistinti attraverso gli anni con un sound immediatamente identificabile nella sua originalità.

Se dovessimo trovare una parola caratterizzante riguardo le loro esibizioni sceglieremmo senza dubbio energia. Un'energia cosi travolgente da risucchiare il pubblico all'interno dello show tanto da renderlo una parte attiva dello stesso.

A quasi 10 anni di distanza dal loro ultimo concerto nel Forte è un piacere potervi invitare di nuovo ad assistere alla performance unica di quell'ensemble definito da Jello Biafra "What punk rock should sound like".

L'apertura sarà affidata ai romani AUT AUT, band punk-combat-oi attiva dal 1989.

Cresciuti e formatisi a Roma Est, tra prenestino e casilino, hanno suonato per diverse iniziative di lotta e solidarietà. Hanno all'attivo l'album del 1994 "Musica di periferia" edito dalla Gridalo Forte e recentemente ristampato dalla Hell Nation. A breve uscirà un loro nuovo album di inediti.

Il Forte Prenestino è un centro sociale occupato e autogestito dal 1986. E'un luogo di socialità, in-contro, divertimento e organizzazione del tempo collettivo, di scambio di idee, visioni, energie e di saperi. Il Forte sperimenta un'organizzazione del proprio spazio e delle proprie attività basata sulla libera associazione di individui uniti/e da una progettualità e da un'etica condivisa. E' per questo che il Forte sperimenta il non-lavoro e modelli di vita autogestiti, sperimenta un'altra socialità e un'altra economia perché è parte una realtà immensa e variegata, di chiunque combatta ogni giorno perchè sia possibile un altro mondo, fatto di individui liberi/e uguali e solidali.

Per questo il Forte è antifascista, antisessista, antirazzista, antiproibizionista.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma