Uno dei migliori pianisti all'Università Tor Vergata

La stagione dei concerti realizzata da Roma Sinfonietta presso l'Università di Roma "Tor Vergata" si inaugura mercoledì 17 ottobre alle 18 nell'Auditorium Ennio Morricone (Macroarea Lettere e Filosofia, via Columbia 1).

Protagonista di questo primo concerto è Maurizio Baglini, unanimemente considerato uno dei migliori pianisti della nuova generazione a livello internazionale. Si esibisce in sedi prestigiose quali l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il Teatro alla Scala di Milano, la Salle Gaveau di Parigi, il Kennedy Center di Washington. Le sue incisioni per Decca/Universal, accolte sempre con favore dalla critica specializzata, comprendono musiche di Liszt, Brahms, Schubert, Domenico Scarlatti, Mussorgsky e Schumann: di quest'ultimo Baglini sta incidendo l'integrale della musica pianistica, di cui quest'anno è uscito il terzo cd.

Insieme all'Orchestra Roma Sinfonietta, Baglini suonerà due Concerti per pianoforte e orchestra di Joseph Haydn, precisamente quelli in re maggiore e in sol maggiore, i più noti della dozzina di concerti per pianoforte dl grande compositore austriaco. Considerato il "padre" della sinfonia, Haydn ha lasciato il segno anche in tanti altri generi musicali, ma i suoi concerti per pianoforte sono rimasti nell'ombra fino a pochi anni fa: solo recentemente sono stati rivalutati e Baglini contribuisce a questa riscoperta eseguendoli in varie città.

Roma Sinfonietta eseguirà poi – concertata, come si usava all'epoca, dal primo violino Marco Fiorini – la Sinfonia in la maggiore K 201 di Wolfgang Amadeus Mozart: composta nel 1774, a diciotto anni d'età, segna una svolta rispetto alle sue sinfonie precedenti e rivela un compositore già maturo, pronto a ricevere e sviluppare genialmente l'eredità di Haydn.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma