La musica di Tom Jobim e Vinicius de Moraes tra la classicità di Bach, l'impressionismo di Debussy e la tradizione popolare brasiliana.

"Le sonorità dell'orchestra così ottenute sono leggere, sfumate e trasparenti. La dinamica non raggiunge quasi mai il forte, ma in genere va dal mezzoforte al pianissimo. L'armonia (cioè gli accordi utilizzati) non segue le regole tradizionali, ma è molto innovativa e crea un effetto di sospensione. Le melodie usano spesso scale antiche, di tradizione medievale, o ispirate all'Oriente come la scala pentafonica e la scala esatonale. Le atmosfere delle composizioni appaiono così sognanti, vaghe e indeterminate." Leggendo queste note, riferite alla musica impressionista di Debussy, non può non risaltare l'assonanza con la musica di Tom Jobim e di João Gilberto, i padri fondatori della bossanova, lo stile musicale nato alla fine degli anni '50 che vide la collaborazione tra musicisti brasiliani e jazzisti.
Composizioni come "Garota di Ipanema", "Desafinado", "Corcovado", celeberrime, sono considerate dei veri e propri standard del jazz ma sono anche state eseguite in forma sinfonica.
Ed altrettanto si può dire per quanto riguarda la musica di Bach che "si contraddistingue per la complessità dell'armonia, dell'invenzione contrappuntistica e dello sviluppo dei motivi e per la sintesi originale che operò fra lo stile tedesco e le opere dei compositori italiani." Le composizioni di Jobim e gli arrangiamenti di João Gilberto con la loro ricchezza armonica si fondono con la valorizzazione della musica popolare brasiliana di Vinicius de Moraes, poeta musicista, autore, insieme a Tom Jobim, del celeberrimo "Orfeo Negro".


Il concerto prevede quindi la proposizione di uno spaccato della musica brasiliana che pone al centro l'opera di Tom Jobim e Vinicius de Moraes, senza tralasciare altri fondamentali apporti di importanti musicisti che hanno contribuito a superare gli steccati tra le varie espressioni musicali, rendendo evidenti, tra l'altro, i profondi legami che esistono tra la tradizione popolare e quella comunemente definita "classica".

Domenico Cialfi, voce recitante
Camilla Onelli, tromba
Domenico Alfieri, percussioni
Fabrizio Nesta, basso elettrico
Francesca Gagliardi, tromba
Giovanni Todini, percussioni
Sonia Bertocci, percussioni

Valerio Natoli, chitarra e voce
Noemi Nori, voce

Informazioni, orari e prezzi

Info:
06 6875952

Dove e quando

Concerti - Vascello in musica: classica senza limiti
Concerti - Concerto in Memoria di Giovanni Paolo II
Concerti - Viaggio tra Oriente e Occidente