Le sonorità etniche di Nando Citarella, la musica Beat e il concerto del pianista Davide Santacolomba

Tre giorni di grande musica dalle sonorità etniche di Nando Citarella, passando per la musica Beat per arrivare al grande evento di chiusura il concerto del pianista Davide Santacolomba

Un WEEK END in musica al Teatro Tor Bella Monaca. Si comincia il 19 maggio alle 21 con RADIO BEAT autore Claudia Borzi e Pietro Tirabassi, voce narrante / radio DJ Claudia Borzi band live The Riding Sixties. In scena La narrazione dell'avvento in Italia della musica Rock (il Beat) che si alterna con la storia delle singole canzoni. Storia di cover che cominciano a parlare un italiano buffo e differente, e aprono le porte ad una canzone italiana nuova, che si confronta senza complessi con il resto del mondo. E' la storia di un'Italia che cambia. E' la storia di un'utopia. E' la nostra storia.
Sabato 20 maggio ore 21 è la volta della Compagnia la Paranza diretta da Nando Citarella con DAYEREH interpreti Nando Citarella voce, tammorra, muta, chitarra battente, marranzano e Pejman Tadayon bam-tar, tar, saz, duff, voce con la partecipazione di Gabriella Aiello voce, tammorra, castagnette Pejman Tadayon ensemble & Coro Persepolis Cymbalus-Equivox Ensemble tamburi e voci. Le voci, i suoni e i ritmi che da un punto all'altro del Mare si sono incontrati partendo dalla antica cultura della Persia a quella Arabo-Andalusa della Siviglia "Porta d'Oriente" giungendo fino alla Napoli "Porta del Mediterraneo".
Il viaggio nella musica si conclude con lo straordinario concerto del pianista Davide Santacolomba promosso da Fiadda Roma Onlus domenica 21 maggio ore 18. DAVIDE SANTACOLOMBA IN CONCERTO brani di Scarlatti, Mozart, Beethoven, Chopin, Scriabin, Rachmaninoff. Un ragazzo che ha cambiato verso al suo destino. Davide Santacolomba è sordo. Lui non sente tutta la sua musica: percepisce solo alcuni suoni, gli altri li ascolta con quello che chiama «l'orecchio della mente», gli vibrano nel cuore che fa le capriole davanti al piano e gli rimbalzano negli occhi che si strizzano come finestre sulla tastiera. Intervistarlo è ascoltare una favola, sentirlo suonare è assistere a un miracolo.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma