VENERDI 22 MAGGIO

"Wild Card" a MAURIZIO URBANI
in quartetto più guest musicisti !

Uno tra i più apprezzati sassofonisti a livello internazionale, rappresentante del jazz italiano nel mondo.
Fratello minore del musicista Massimo Urbani e uno dei più grandi interpreti jazz degli ultimi anni. Con il suo sax tenore Maurizio ha sviluppato una sonorità inconfondibile e straordinaria. Attraverso anni di vita e musica in comune, Maurizio ha saputo assorbire l'essenza e l'anima del fratello maggiore, suonando con astri del jazz nazionale e internazionale del calibro di Chet Baker, David Liebman,Sal Nistico, Enrico Rava, Luca Flores ed innumerevoli altri. La sua carriera è basate sull'istintività e sulla naturalezza del linguaggio improvvisativo, inteso come espressione profonda dell'elemento che è sempre stato la stella polare del viaggio sonoro unico ed irripetibile che Urbani ha intrapreso: il SENTIMENTO.
Negli ultimi anni ha svolto un intensa attività concertistica in locali specializzati e festival a fianco dei più importanti jazzisti italiani. (P.D'Ottavio)

BIO: Cresciuto musicalmente nell’area romana accanto al fratello Massimo ha frequentato il conservatorio Licinio Refice di Frosinone come allievo di Ubaldo Maestri. Ha sostituito Maurizio Giammarco nell’ultima formazione del ‘New Perigeo’ ( Danilo Rea Giovanni Tommaso Agostino Marangolo Carlo Pennisi ) Ha collaborato con Rai e Radio Rai in programmi condotti da Adriano Mazzoletti. Ha fatto parte del quintetto di Giovanni Tommaso insieme con il fratello Massimo, Danilo Rea e Roberto Gatto, partecipando a importanti jazz festivals quali Umbria Jazz 83 ricevendo da parte di Leonard Feather sul Los Angeles Times e da Lee Jesky sul Down Beat nell 85 e 86 ottime critiche. Ha fatto parte del quintetto di Enrico Pierannunzi. In quall’occasione acquista un ottimo fraseggio hard bop . Affina il suo stile post coltraniano e continua s uonare con musicisti tra i quali Paolo Fresu Luigi Bonafede Enrico Pierannunzi Roberto Gatto Furio Di Castri Flavio Boltro Syefano Sabatini Amntonello Salis Maurizio Giammarco Steve Grossman Gianni Cazzola Pietro Tonolo Luca Flores ,Larry Nocella e Chet Baker. Nell’86/87 ha fatto parte del gruppo doi Marcello Melis suonando con Don Pullen ( Charlie Miungus Group )Don Moye (Art Ensemble of Chicago.) Nell’89 è stato vittima di una dura malattia che lo ha escluso dalle scene musicali per tre anni. Nel 92 rientra e senga il suo ritorno alla musica. Ha suonato durante la serta del ventennale dle Music Inn, mitico locale romano, con il gruppo di Giovannoi Tommaso. Nel 93 una tappa importante: registra ‘The Blessing’ opera postuma di Massimo Urbani, testamento spirituale del grande musicista italiano nel disco prodotto e distribuito dalla Red Records hanno contribuito Danielo Rea Giovanni Tommaso e Roberto Gatto. Interpreta nel 2005 la parte del fratello Massimo nel film di Rivcardo Milani ‘Piano Solo’ dedicato alla figura del pianista Luca Flores e interpretato das Kim Rossi Stuart. Dal 2007 è presidente della giuria del Massimo Urbani Awards di Camerino ( Mc ) . Negli anni recenti svolge un intensa attività concertistica in locali specializzati e festivals a fianco di musicisti quali Pietro Iodice Pietro Cuancaglini Claudio Corvini Federico Laterza Pietro Lussu Lorenzo Tucci Carlo Atti Joseph Lepore e Andrea Benventano. Nlel 2008 realizza lo spettacolo ‘ It’s Too max’ con arrangiamenti di composizioni originali di Massimo Urbani con un orchestra di solisti tra cui Antonello Salis David Boato Federico Laterza Mauro Verrone Giovanni Amato e Claudio Filippini, presentandolo alla Casa del Jazz di Roma. Ultimo lavoro discografico "Animali Urbani", un disco anche più elettrico in collaborazione con Federico Laterza che ha ottenuto un grande successo di pubblico e critica.

--------------------------------------------------------------------------------

SABATO 23 MAGGIO - ore 22.30
Andrea Zanchi SNAP Quartet
Andrea Zanchi, piano, tastiere & composizioni
Andrea Pace, sax e Ewi
Stefano Cantarano, c.basso
Max De Lucia, batteria

La formazione SNAP è un progetto musicale del pianista romano Andrea Zanchi dove, di volta in volta, sono stati coinvolti musicisti di grande talento. L'obiettivo è sempre stato quello di proporre musica originale abbinata ad un concetto di standards più particolari e sconosciuti a quelli tradizionali.

Il termine SNAP, in inglese, significa anche 'schioccare',esattamente come quando si da il tempo con le dita per iniziare un brano musicale...ebbene SNAP Quartet è una formazione che si propone di far vibrare la musica staccando tempi diversi, dal latin, al funk, dal jazz alla bossa nova. Un eccletismo musicale che non abbandona i classici, moderni, le composizioni originali. Il tutto, arrangiato e composto dal pianista Andrea Zanchi e condiviso con Andrea Pace al sax alto e Ewi, Steve Cantarano al contrabbasso e Max De Lucia alla batteria.
Bellissime omposizioni Originali !

Informazioni, orari e prezzi

Ore 22.30

Info:
340.8249718
28divino.com

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Concerti