Docu-menti Visioni sul mondo all'Arena Anfiteatro di piazza Mancini, da lunedì 7 settembre a domenica 13 settembre, a partire dalle ore 20. Un'intera settimana di appuntamenti con il cinema, l'arte e i dibattiti che accompagneranno la visione di film, film-documentario e performance, animati dai tanti ospiti che hanno aderito all'iniziativa. 
Un evento promosso dal Comitato Don Minzoni, patrocinato da Asvis Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile e da Caritas Roma, con Diarioromano e RomaH24 come Media Partners.
La rassegna, curata da Sandra Naggar con la collaborazione di Rico Capone, propone un percorso nel vasto mondo dell'Ambiente, definito in maniera più articolata attraverso i 17 obiettivi dell'Agenda Onu 2030, che fa comprendere l'importanza dell'interazione tra le attività umane, riguardo agli equilibri da mantenere nel rapporto con le energie del Pianeta.

L'apertura è lunedì 7 settembre alle ore 20 con un intervento di Giulio Lo Iacono, Responsabile Pianificazione, Gestione e Monitoraggio Attività Trasversali di Asvis Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, che ci parlerà degli impegni necessari per il raggiungimento degli obiettivi dell'Agenda Onu.

Presenta la serata Massimo Proietti Rocchi, Presidente Amici di Villa Leopardi, che introdurrà "La Nazione delle Piante parla all'ONU", un testo di Stefano Mancuso letto da Claudio Damiani e poi "Equilibrio segreto delle piante" 2020, la performance di Silvia Stucky con la partecipazione di 8 persone del pubblico, basata su un altro testo di Stefano Mancuso, tratto dal suo libro "La Nazione delle piante". A seguire "La vita degli alberi" con Claudio Damiani che riprenderà la parola leggendo le sue poesie. Chiude la serata "Conoscere e vivere", un documentario naturalistico inedito di Giovanni Teodori, con la fotografia di Camilla Alibrandi e Marco Pallanti, il montaggio di Sergio Pasquali, tutti presenti durante il dibattito finale insieme agli altri protagonisti della serata.

Martedì 8 settembre ore 20 "1938 Quando scoprimmo di non essere più italiani" film-documentario, regia di Pietro Suber
Mercoledì 9 settembre ore 20 "Aquarius" (2016), film, regia di Kleber Mendonça Filho
Giovedì 10 settembre ore 20 "La donna elettrica" (2018), film, regia di Benedikt Erlingsson
Venerdì 11 settembre ore 20 una serata speciale su "Sostenibilità, energie rinnovabili e finanza" a seguire docufilm "Energia... libera tutti"
Sabato 12 settembre ore 20 "Un mondo in pericolo" (2012), film documentario, regia di Markus Imhoof
Domenica 13 settembre ore 20 "L'immortale" (2019) regia di Marco D'Amore

Disposizioni anti covid
Posti contingentati max 150 persone su prenotazione al 338 135 22 70
sulla pagina evento facebook Docu-menti Visioni sul mondo
oppure via mail documentivisionisulmondo@gmail.com
Portare il proprio cuscino personale per essere più comodi sulle gradinate, non è possibile fornirli per motivi di sicurezza anticovid.
Mascherine obbligatorie secondo le disposizioni vigenti.
Costo del biglietto: 4 euro

Martedì 8 settembre ore 20 il film-documentario di Pietro Suber, "1938 Quando scoprimmo di non essere più italiani", presentato in apertura al Festival del cinema di Roma del 2018, menzione speciale ai Nastri d'Argento del 2019, premiato al Trevignano Film Festival, racconta in forma del tutto inedita le conseguenze delle leggi razziali e la persecuzione degli ebrei sotto il fascismo, ricostruendo le vicende degli ebrei italiani (1943-1945) attraverso cinque storie testimoniate in gran parte dai diretti protagonisti, mostrando il volto delle vittime e dei persecutori, con l'intento anche di spiegare come questi provvedimenti abbiano influenzato in seguito la nostra storia e il nostro vivere. La proiezione sarà preceduta da un dibattito moderato dal regista stesso con ospiti Federica Alatri, Consigliere AMUSE Associazione Amici Municipio Secondo e Amedeo Osti Guerrazzi, storico del fascismo, consulente della Fondazione Museo della Shoah e consulente storico stesso del docufilm "1938".

Mercoledì 9 settembre ore 20 "Aquarius" (2016), il secondo film del regista brasiliano Kleber Mendonça Filho, racconta il progressivo distacco dalla propria abitazione sul lungomare di Recife di una giornalista musicale vicina alla pensione, interpretata da Sonia Braga, mentre scoppiano tutte le contraddizioni di un paese giunto alla fine di un ciclo di espansione economica. Il film sarà preceduto da un dibattito su "L'emergenza abitativa alla luce del covid e delle sue conseguenze economiche e sociali" con ospiti Don Benoni Ambarus, direttore Caritas Roma patrocinante della rassegna stessa; Alfredo Martini, direttore Civiltà di Cantiere; l'arch. Giovanni Rebecchini; Domenico Chirico, coordinatore di periferiacapitale della Fondazione Charlemagne e Andrea Napoletano, direttore Ater Roma.

Giovedì 10 settembre ore 20 "La donna elettrica" (2018), un film diretto dal regista islandese Benedikt Erlingsson, sulla battaglia senza esclusione di colpi di una giovane donna per liberarsi dai soprusi verso i propri diritti e verso il proprio habitat.  Prima della proiezione, un dibattito moderato da Roberto Tomassi di Diarioromano con ospiti Ermete Realacci, Presidente Onorario Legambiente e Presidente Fondazione Symbola; Giuseppe Ungherese, responsabile campagne inquinamento Greenpeace e Maria Teresa Maccarrone, attivista Osservatorio Tmb Salario.

Venerdì 11 settembre ore 20 una serata speciale su "Sostenibilità, energie rinnovabili e finanza", con un ampio dibattito per parlare di sostenibilità insieme al prof. Carlo Alberto Pratesi; di energie rinnovabili con l'arch. Raimondo Grassi presidente di TEA Energia e il dott. Valerio Andreoli Bonazzi Epico Energy e di finanza con il dott. Davide Ferrazzi, esperto di mercati dei capitali e Banca Generali Private rappresentata dal consulente private Andrea Petrangeli e Relatori – District Manager dott. Alfredo Magrini – Deputy dott. Federico Baiocchi Di Silvestri.  A seguire il docufilm "Energia... libera tutti" promosso da Co.Svi.G (Consorzio Sviluppo delle aree Geotermiche), a cura di Bruno Santini e Leonardo Scucchi.

Sabato 12 settembre ore 20 "Un mondo in pericolo" (2012), il film documentario del regista svizzero Markus Imhoof documenta, grazie ad un'avanzata tecnologia di ripresa, il mondo delle api e approfondisce il tema dei rischi di una loro possibile estinzione. Ha inoltre come obiettivo quello di mostrare il difficile rapporto tra le api e gli esseri umani e, più in generale, il rapporto tra esseri umani e Natura. Non c'è soltanto una causa dietro alla moria delle api, ma una concatenazione di motivi facenti tutti capo ad uno scriteriato utilizzo dei sistemi industriali che hanno inesorabilmente cambiato il modo di allevarle. Il film documentario sarà presentato da un rappresentante dell'Ambasciata Svizzera in Italia.  Federico Nardone, presidente Margherone Fa Cose Onlus, sarà il moderatore del dibattito tra Massimiliano Micheli dell'Apiario del Forum Parco delle Energie - Lago Bullicante e Fabio Masotta architetto del Paesaggio, socio Aiapp, per comprendere meglio le possibilità di allevamento delle api in città, nel rispetto delle norme e degli equilibri tra natura e ambiente urbano. Massimiliano Micheli, abituato a guidare le scuole al Parco delle Energie si rivolgerà in maniera particolare ai più giovani, bambini e ragazzi.

Domenica 13 settembre ore 20 nella serata conclusiva della rassegna non si poteva non parlare di criminalità. Guardare ai fenomeni criminali è d'importanza capitale per poterli, se non altro, arginare il più possibile, al fine di limitare gli immensi danni che provocano su molteplici piani quando si parla di "ambiente".  Alfonso Sabella, magistrato e scrittore ne parla con Filippo Guardascione di Diarioromano prima di assistere alla proiezione de "L'immortale" (2019) di Marco D'Amore alla sua prima prova come regista, che gli è valsa Il Nastro d'Argento 2020 come miglior regista esordiente e la candidatura al Davide di Donatello 2020 sempre come miglior regista esordiente. Un viaggio nel mondo dell'infanzia di un criminale, là dove tutto si forma nell'animo di un individuo, immerso in un 'ambiente' che non dà grandi possibilità di scelta, corrompe e devia senza pietà. A Riga, capitale della Lettonia, Ciro lavorerà al servizio dei russi e ritroverà Bruno, un uomo già protagonista di importanti fasi della sua infanzia, assisterà alle lotte criminali interne in un ambiente che intossica tutto e tutti.

L'Associazione culturale "Natura, Sport e Spettacolo 2001" presenta E-STATE INSIEME SECONDO MUNICIPIO

Docu-menti Visioni sul mondo. Film Fest
a cura di Sandra Naggar
7 – 13 settembre 2020 ore 20
Arena Anfiteatro Piazza Mancini

Il Comitato Don Minzoni attivo dal 2016, fondato dall'avv. Andrea de Rosa, è costituito da un gruppo di attivisti per l'ambiente che operano nel secondo municipio, prevalentemente nei quartieri Parioli, Pinciano e Flaminio, con azioni di mantenimento, cura e rigenerazione delle aree verdi e non solo. Il Comitato promuove e organizza anche iniziative di sensibilizzazione e di educazione all'ambiente e si relaziona costantemente con altre realtà di mobilitazione territoriale e con associazioni ambientaliste.

Raccolta fondi per piantare alberi al Flaminio
La raccolta fondi è iniziata durante i primi due eventi al cinema Tiziano (gennaio – febbraio 2020) e ha già in cassa 200 euro, proseguirà durante tutta la rassegna per concludersi domenica 13 settembre. Gli alberi verranno scelti in base alla somma raccolta e ai luoghi individuati al Flaminio dove metterli a dimora. Verrà fatta richiesta di nulla osta al Dipartimento Ambiente di Roma Capitale, acquistati e messi a dimora a cura della Ditta Carlo Bettelli, che già ha piantato per conto del Comitato Don Minzoni oltre 130 piante ai Parioli, con tutte le attenzioni dovute durante i primi due anni di vita riguardo alle annaffiature estive per assicurare il buon attecchimento delle radici al terreno.

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Festival