Short Theatre 9, ideato e organizzato da AREA06 con la direzione artistica di Fabrizio Arcuri, è realizzato con il sostegno di Regione Lazio e Roma Capitale, in collaborazione con La Pelanda. Centro di produzione culturale, Factory, Zetema Progetto Cultura, Teatro di Roma, ACEA e SIAE ed è inserito nel cartellone dell'Estate Romana 2014.

Tanta musica quest’anno a Short Theatre 9:dalle serate del dopofestival con importanti dj set di note crew romane alle performance sonore di NicoNote, dagli spettacoli di teatro/danza e di teatro/musica che coinvolgono noti musicisti: sono tante le occasioni in cui sperimentare diverse forme musicali e allo stesso tempo cimentarsi con l’ascolto di svariati generi, in una miscela sonora dal forte impatto “acustico”.

La settimana che sta per cominciare è carica di eventi e spettacoli squisitamente musicali, ce n’è per tutti i gusti!


Martedì 9 due gli appuntamenti di teatro con musica dal vivo:
alle 19.15 e in replica alle 23.00 Mirto Baliani – musicista, compositore, sound designer e dj,
collaboratore della compagnia Fanny & Alexander – presenta China VS Tibet – Prospettive di uno
scontro. Lo scontro è quello tra due opposti per visioni della vita e del mondo, un conflitto tra differenti culture, ognuna con le proprie tradizioni e riti. Nella partitura di questo concerto per immagini e simboli (nutrito e supportato dal dispositivo elettroacustico sviluppato da Marco Parollo) viene evocata l’opposizione tra i suoni sospesi e rarefatti propri dell’universo tibetano-buddista e quelli ritmici e martellanti della produzione industriale di massa, della megalopoli cinese.

Alle 22.50 è invece il momento di Margine Operativo, un progetto artistico multidisciplinare in bilico fra diversi codici creativi, che vanno dal teatro alle arti performative, dal linguaggio video agli inserti musicali. Partizan let’s go con il supporto dell’impianto strumentale di Andrea Cota (alla chitarra) e di Michele Baronio (strumentista) crea una “risonanza” di rumori che nella sua diversificazione evoca la divisione per parti della società e la necessità per ognuno di decidere da che parte stare: Margine Operativo porta nel suo dna la coscienza che l’arte è un dispositivo che può creare cambiamenti.

Per gli appassionati di danza e non solo, venerdì 12 è la volta di Victory Smoke (h. 22.45), performance accompagnata dalla live music di Leila Gharib e Francesco Brasini. Progetto di Barokthegreat, formazione fondata nel 2008 dalla stessa Leila Gharib – musicista – e dalla danzatrice-coreografa Sonia Brunelli, caratterizzata dal particolare accento posto alla radice mentale del movimento, alla fisicità, e alla funzione rituale della musica.

Assolutamente da non perdere gli appuntamenti “notturni” del festival: giovedì 11 alle 23.30 ritorna
NicoNote con Limbo Session #2 (concerto per voce, cd, keyboards, electronics, laptop), performance di clima sonoro che si innesta nella forma del dj set e cut up and live. Voce e musica strumentale eseguita dal vivo vengono miscelate in diretta e improvvisate. NicoNote propone il suo universo spaziando nei suoi archivi personali e mixandoli alla sua voce. Cover da Tenco e dai Tuxedomoon, brani di Purcell e Schumann: il set si sviluppa gradualmente come un flusso sonoro e diventa una sorta di dj set-concerto ogni volta differente; insieme a lei, in questo secondo appuntamento ci sarà Except the Cat (FrancoBeat / Santo Barbaro / Corde / J. De Leo) a creare tessiture e mondi sonori affascinanti e ritmici.

Lungo weekend che smuove anche gli animi più pigri, quello che si prospetta con le ultime due serate del dopofestival. Organizzate con il coinvolgimento di note crew romane legate al mondo del clubbing e dell’intrattenimento, offrono occasioni in cui lasciarsi andare al divertimento danzante, con sonorità variegate che spaziano dalla techno più scura a ritmi più dub.

Venerdì 12 Balsamo di Scimmia ci intrattiene con un sound che affonda le sue profonde radici nell’hip hop, innescandosi sui possibili sviluppi offerti dall’elettronica, mentre sabato 13 il party finale di Amigdala, un progetto di musica elettronica e culture indipendenti, di concerti live, art exhibitions, teatro, visuals e video-art, segna la tappa conclusiva di questo percorso ritmico.
Per ultimo ma non meno importante 13 e 14 settembre al Teatro Argentina uno spettacolo che chiude in grande stile un festival dalle connotazioni così marcatamente musicali: Suite n.1 “ABC”, di Encyclopédie de la Parole / Joris Lacoste (FR), teatro/concerto di parole guidato dal direttore d’orchestra NicolasRollet.

Partendo da un’immensa collezione di registrazioni sonore, l’Encyclopédie de la Parole ha intrapreso un ciclo di suite chorales che si basano su un semplice principio: riprodurre il più fedelmente possibile una suite di registrazioni di vario genere. Esplorando l’oralità in tutte le sue forme, Suite n.1 “ABC” presenta circa 50 estratti: l’abc e il balbettio, il brusio e il blablabla, il piacere giocoso delle lingue che non capiamo. Da una conferenza di Lacan a un estratto di South Park e ai versi di Eminem: un ABC appunto del linguaggio comune, una grammatica empirica della nostra oralità condivisa, presentato in 9 lingue e in 4 parti da 22 artisti (11 performern e 11 volontari/ospiti).


Informazioni, orari e prezzi

La Pelanda. Centro di Produzione Culturale , Piazza Orazio Giustiniani 4
Teatro Argentina, Largo di Torre Argentina
Teatro India, Lungotevere Vittorio Gassman

Info 060608; 06 49385619
www.shorttheatre.org; info@shorttheatre.org;
www.facebook.com/shorttheatre; https://twitter.com/shorttheatre

Biglietti:
SINGOLO SPETTACOLO > 8 euro
TESSERA GIORNALIERA > 17 euro
CARD 10 SPETTACOLI: Suite n°1 "ABC" di Encyclopédie de la Parole/Joris Lacoste + 9 spettacoli a scelta > 60 euro
Alex Cecchetti; le mise en espace di Fabulamundi; We are still watching di Ivana Muller; Every-Body di Antonio Tagliarini > 3 euro
conversazioni, presentazioni, NicoNote e Dopofestival > INGRESSO GRATUITO

La Pelanda: apertura biglietteria ore 17.30
I biglietti per lo spettacolo Suite n°1 "ABC" di Encyclopédie de la Parole/Joris Lacoste del 13 e 14 settembre saranno disponibili anche al botteghino del Teatro Argentina.
Prevendita on line: www.vivaticket.it

Dove e quando

Festival - Genderscape
Festival - Riemergere, I edizione