Festival di pittura, cinema, musica e letteratura

«L’agorà dell’arte contemporanea, dove teatro, cinema, musica, letteratura, poesia, pittura e disegno, si fondono in un grande ed esclusivo spettacolo, live»: questa è l’ambizione di «stART 2015», l’evento che andrà in scena venerdì e sabato a Roma presso la sede dell’associazione La Fonderia delle Arti, che partecipa nell’organizzazione dell’evento insieme al movimento The Gape Generation, fondata dallo scrittore Pablo T (Toussaint), che presenterà sul palco una serie di autori esordienti e che nel suo Manifesto grida la volontà di «riportare l’umanità, la coerenza, il cuore e la ragione al centro di tutto…condanna e denuncia l’opportunismo degli artisti, la speculazione sugli artisti, il circuito privato delle caste, il nepotismo nel sistema artistico moderno, il monopolio editoriale…». Presenteranno le loro nuove «promesse» anche lo Studio Laboratorio 51, dedito a costumi ed effetti speciali cinematografici, il gruppo teatrale «Millantattori», il progetto «Soliloquiamente», che promuove scrittori e artisti emergenti, con la partecipazione della critica d’arte Monica Ferrarini. «Artisti da tutta l’Italia e oltralpe si troveranno per dar vita al più grande incontro delle Arti mai osato prima. Un inizio che segna l’avvento di più movimenti, correnti, culturali e artistici, che si fonderanno in un intreccio coraggioso e pionieristico», si legge nella presentazione di stART 2015.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma