Ho incontrato per la prima  volta a Roma, nel 2023, nel corso di un'interessante mostra collettiva, le opere di Ellen Essen. Quella fu anche la prima volta che incontrai l'artista, un momento indimenticabile perché ne rimasi travolto dal suo straordinario entusiasmo, una passione per la bellezza e per l'arte autentica. Ellen Essen, pittrice di estrazione tedesca, offre allo spettatore più attento, un linguaggio in cui la figura umana è interpretata attraverso ritratti che hanno lo scopo di svelare la profondità delle emozioni dei personaggi. L'insieme delle opere che possiamo apprezzare solo attraverso una mostra personale, mette in risalto una gradevole uniformità cromatica ed un velo di affascinante malinconia che traspare dagli sguardi che caratterizzano ogni opera. Uno stile, un segno pittorico che delinea una sensibilità davvero spiccata verso tutto ciò che possiamo ammirare negli abissi dell'anima di ognuno di noi. 

Ellen Essen ama osservare e riflettere sul senso della vita specchiandosi idealmente nei ritratti che esegue perché ogni opera in realtà altro non è che l'autoritratto della sua anima sensibile. A Roma, nella elegante Galleria Medina, Ellen espone una serie di opere significativamente, ognuna delle quali racconta una storia, un pensiero, un messaggio e una serie di emozioni molto forti che caratterizzano la nascita di tutti i suoi dipinti. La poesia che traspare dall'atmosfera malinconica che ritroviamo in molte opere di Ellen appartiene in realtà ad una iconografia storica che ci consente di ripercorrere, volendo, anche alcune tappe tra le più belle della storia dell'arte moderna e contemporanea. 

E, non certo per caso, i primi riferimenti che mi vengono in mente giungono proprio da quelle zone del centro- nordeuropeo dal quale proviene anche Ellen. Ripenso a "Melancholia", capolavoro del 1911 del pittore norvegese Edvard Munch e alle atmosfere romantiche di uno dei più grandi artisti tedeschi della storia dell'arte, Caspar David Friedrich. Protagonisti di stagioni espressive molto interessanti ed affascinanti nella loro particolare atmosfera poetica. Così come lo scrittore tedesco, Hermann Hesse, che pose la sua idea di malinconia dentro l'anima di ognuno di noi, come scrisse in una sua celebre poesia dal titolo "An die Melancholie". Le opere di Ellen Essen, dunque, grazie alla straordinaria intensità emotiva, alla tensione espressiva e alla capacità di suscitare riflessioni molto profonde, si identifica attraverso uno stile che merita i palcoscenici internazionali, affinché il suo alfabeto creativo possa esprimersi, e soprattutto confrontarsi, con un pubblico sempre più ampio.


SOLO EXHIBIT DI ELLEN ESSEN
"Faces of Feeling"
a cura del critico d'arte Alberto Moioli
Roma, 17-23 maggio 2024
Dal 17 al 23 maggio 2024 Medina Art Gallery presenta la mostra personale di Ellen Essen,
"Faces of Feeling" a cura del critico d'arte Alberto Moioli, presso la galleria di Via Angelo Poliziano 4-6.
L'evento di opening si terrà il giorno 17 maggio 2024 alle ore 18:00 presso la galleria di Via Angelo Poliziano 4-6 con la presentazione del critico d'arte Alberto Moioli
Dal testo critico di Alberto Moioli

In breve:
Titolo Mostra: "Faces of Feeling"
Opening Mostra: venerd' 17 maggio 2024 alle ore18:00
Durata Mostra: dal 17 maggio al 24 maggio 2024
Luogo: Medina Art Gallery / Via Angelo Poliziano 4-6
Contatti Medina Art Gallery:
Email: info@medinaroma.com -Tel. +39 06 960 30 764
Social: facebook.com / medinaroma.arte / Instagram.com / medinaroma.arte
Website: https://www.medinaroma.com                  
Orario apertura: Dal lunedì al venerdì 10:00-13:00 e 15:00-19:00

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Gallerie