Presentazione del volume di Andrea Marcolongo

99 parole per ritrovare una voce che altrimenti rischia di farsi troppo flebile e perdersi tra la fretta e la sciatteria di questo nostro nuovo secolo.

99 parole per ribellarci alla confusione e al buio che ci travolgono quando rimaniamo muti di fronte al presente.

99 parole per ritrovare noi stessi.

Andrea Marcolongo ha scelto le sue personali 99 parole. E di ognuna di esse, con eleganza e leggerezza e al tempo stesso infinita cura, ricostruisce il viaggio. Le parole sono il nostro modo di pensare il mondo, il mezzo che abbiamo per definire cio? che ci sta intorno e quindi, inevitabilmente, per definire noi stessi. Ogni volta che scegliamo una parola diamo ordine al caos, diamo contorni e corpo al reale, ogni volta che pronunciamo una parola essa e? riflesso di noi. Ci rivela. Senza il linguaggio non faremmo che brancolare scomposti nella confusione, incapaci di dire la realta? e cio? che sentiamo. Proprio per questo delle parole dobbiamo avere estrema cura. Sono un giardino da coltivare con pazienza ogni giorno, da mantenere fertile e vivo, fino alle sue radici.

Ma come ci si prende cura delle parole? Innanzitutto riappropriandoci della storia, appunto, delle loro radici, dei loro significati originari, seguendo il viaggio che un termine ha percorso per arrivare fino a noi, seguendo le sfumature di senso, gli slittamenti che nel corso dei secoli e attraverso i luoghi esso ha subito, ricostruendo cosi? la storia di noi e del nostro leggere e rappresentare il mondo. Tutt'altro che sterile e fine a se stessa e? dunque l'arte di ricostruire le etimologie.

E? lente per mettere a fuoco chi siamo stati, chi siamo. E chi vogliamo essere.

Quanto ha viaggiato una parola prima di arrivare fino a noi? Da dove e? partita? Quanti luoghi ha toccato influenzando altre lingue e quanto e? stata a sua volta modificata? Forse non c'e? lezione migliore di quella che ci offrono le parole, per loro natura «viaggianti», che di movimento e mescolanza da sempre fanno una ragione di sopravvivenza.

Andrea Marcolongo, nata nel 1987 e laureata in Lettere classiche presso l'Università degli Studi di Milano, è una scrittrice italiana attualmente tradotta in 27 paesi. Autrice de "La lingua geniale. 9 ragioni per amare il greco" (Laterza, 2016) e de "La misura eroica" (Mondadori, 2018), scrive per TuttoLibri de "La Stampa". Traduttrice dal greco, visiting professor presso l'Universidad de Los Andes di Bogotà e l'UNAM di Città del Messico e presidente 2019 del Festival de l'Histoire de Blois, è stata finalista in Francia al Prix des Lecteurs. Ora vive a Parigi.

Presentazione del volume

ALLA FONTE DELLE PAROLE

Mondadori

ANDREA MARCOLONGO

presenta il suo libro con 

MASSIMO BRAY

modera

PAOLO DI PAOLO

Organizzazione Attività Culturali

Sala Igea - Palazzo Mattei di Paganica

99 parole per riappropriarci del mondo.

Il nuovo libro dell'autrice de "La lingua geniale. 9 ragioni per amare il greco" 


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma