Le Brigate rosse nacquero dentro la crisi della vecchia società fordista. Quella realtà irreggimentata, dove lavoratori e padroni coabitavano a distanza, cominciò a dissolversi nei primi anni Settanta travolgendo vecchie gerarchie e consolidate autorità. Da quella crisi scaturirono nuovi movimenti portatori di inedite forme di protagonismo, di rivendicazioni e di lotte. Furono anni in cui i dimenticati e i dannati trovarono voce. Un vento di libertà s'insinuò nei varchi aperti dalle lotte operaie, proiettando sulla scena nuovi soggetti usciti da una condizione di marginalità civile e politica. Gli umili e gli oppressi trovarono così occasioni di forza, dignità e rispetto. Le strategie di rottura guadagnarono terreno sulle posizioni contestatrici e riformiste. Fallite le esperienze dei gruppi politici extraparlamentari nati nel biennio 1968-69, la lotta armata divenne, a metà degli anni Settanta, un'opzione che conquistò larghi settori di movimento. Le Brigate rosse furono, semplicemente, parte di quel processo.

Presentazione del libro

BRIGATE ROSSE.

Dalle fabbriche alla "campagna di primavera" vol. 1 - Derive Approdi

Intervengono Paolo Persichetti (autore), Eros Francescangeli, Salvatore Corasaniti

Presentazione del libro

BRIGATE ROSSE.
Dalle fabbriche alla "campagna di primavera" vol. 1 - Derive Approdi

Intervengono Paolo Persichetti (autore), Eros Francescangeli, Salvatore Corasaniti

Informazioni, orari e prezzi

Ore 19.00

Info: http://www.libreriagiufa.it

Dove e quando