Come l'Occidente ha costruito il proprio nemico

Mentre la Turchia di Erdogan sembra sprofondare sempre più in una spirale autoritaria che comprime ogni espressione di dissenso, appare importante ripercorrere le vicende che segnarono la fine del Califfato e l'inizio della trasformazione dell'Impero ottomano nella moderna Turchia, laica e kemalista.

Presenteranno il libro "Cronache ottomane di Renato La Valle. Come l'Occidente ha costruito il proprio nemico" l'autore Raniero La Valle, Francesco Anghelone, storico e autore di numerose pubblicazioni su Grecia, Turchia, Cipro e l'intero Mediterraneo sud-orientale, Lorenzo Declich, esperto del mondo islamico contemporaneo, firma di Limes e autore del libro "Islam in 20 parole" e Simone Pieranni, scrittore e firma del Manifesto per la redazione esteri.

Introduce Gioacchino De Chirico, direttore di Moby Dick.

L'autore rintraccia nei documenti ritrovati la storia dell'invenzione del nemico dell'Occidente: l'Islam. Un immaginario creato, un antagonista deciso. Eppure ancora oggi l'idea del "musulmano" come "nemico", complice il terrorismo globalizzato, è fortemente presente in diversi settori dell'opinione pubblica occidentale. Ma la maschera del conflitto di religione non tiene più: per fare una guerra non basta dire che la si combatte in nome di Dio o dei valori dell'Occidente perché, come ha detto papa Francesco, «il Dio della guerra non esiste».


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma