Si può rantolare nel buio anche a quasi sessant’anni. Giona T., di ceppo ebraico, regista cinematografico ormai in evidente declino, e di origini molto umili, lo sa bene. Anima sola, inquieta e preda di vizi, il protagonista, nonostante un passato di scalate e impedimenti degnamente valicati, vive nel torpore di ricordi che si affievoliscono nella solitudine e in una ricchezza ormai vittima dei lustri del passato. L’irriverenza, la maleducazione dei pensieri, la spietata villania dell’autocritica e della critica nei confronti del Dio che ha imparato a conoscere grazie a suo padre, ma anche le strade di Roma, il suo cuore, quel ghetto ricco di bellezza e nefandezza, e poi New York, le intercapedini, le luci perennemente accese di un mondo contemporaneo che abbaglia per nascondere il marcio, tutto questo è per Giona il motivo reale per cui vivere ancora.

Elisa Mauro, poco più che ventenne, è già critico musicale per importanti riviste di settore. Già dagli esordi ha rivelato un talento, e una capacità di comunicare emozioni attraverso la scrittura, prontamente notati dalla critica: il suo primo romanzo, Cosa c’è di mare in me (2009), è stato vincitore del premio ALI e finalista del Premio Strega tra le opere inedite. Nell’opera corale Armonico, del 2010, è autrice del racconto omonimo; nel successivo Dal grembo al cielo denuncia il dramma della città di Taranto avvelenata dall’Ilva. Attualmente scrive per riviste di settore, quotidiani e case di produzione. Come ghost-writer scrive e redige articoli, romanzi e narrativa in genere.

Ne parlerà con l'autrice Andrea Velardi

(giornalista culturale de «Il Messaggero)

«Un romanzo derisorio e introspettivo, sarcastico
e scorretto, per questo dal valore universale.».

DALLA LETTERA DI GIONA T.
Electi, pp. 256 € 15.90

Informazioni, orari e prezzi

Ore 18.00

Ingresso gratuito

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Libri