Presentazione del libro "Goliarda Sapienza: una voce intertestuale (1996-2016)" - La Vita Felice, 2016 - a Tuba Libre il 25 gennaio alle ore 19.00.

Intervengono Alessandra Trevisan - l'autrice - Giovanna Amato e Anna Maria Curci della redazione del lit-blog Poetarum Silva.

Famosa soprattutto come autrice de "L'arte della gioia", romanzo contagioso nel panorama della letteratura delle donne, Goliarda Sapienza è stata molte cose: attrice di teatro e di cinema, poetessa, scrittrice di racconti e romanzi, testi teatrali, articoli, radiodrammi, diari ed epistolari.

Importante protagonista del panorama culturale del secondo Novecento italiano, «cinematografara» e docente di teatro e dizione, è riuscita a coniugare la sua arte con una tensione vitale, una "vita di vite" piena, costante e «appassionata», declinata in un modo del tutto peculiare così com'è originale tutta la sua opera.
Goliarda Sapienza possedeva una personalità poliedrica, «eccentrica» per il suo tempo.
Il suo spirito indipendente, anticipatorio e anarchico, insieme alla sua intelligenza e alla sua indomabilità, ne fanno una donna con caratteristiche multiformi, da esplorare, da difendere e da non dimenticare.

Questa nuova monografia dal titolo "Goliarda Sapienza: una voce intertestuale (1996-2016)" è uscita a vent'anni dalla sua morte (avvenuta il 30 agosto 1996). Si tratta del secondo studio sull'opera – per lo più inedita – a cura di una sola studiosa, nato in cinque anni di approfondimento.
Nel saggio si ripercorre la vicenda biografica di Sapienza tracciata grazie a documenti inediti, e si entra nei suoi testi ritessendo la trama di un'esistenza senza dubbio plurima, vitale e libera, presentata seguendo un itinerario che trova fondamento nella voce come strumento primo di scrittura.

Il volume presenta la più ricca bibliografia edita sull'autrice.

Info qui
Evento Facebook

Copyright foto: Archivio Sapienza-Pellegrino

Giovanna Amato è nata a Salerno nel 1986 e vive a Roma, dove si è laureata in Letteratura italiana contemporanea presso l'Università "La Sapienza". È redattore dal gennaio 2013 del lit-blog "Poetarum Silva". È autrice di un monologo per il teatro, Un piccolo colpo leggero, portato in scena nel maggio 2012 da Walter Manfré nell'ambito dello spettacolo Le confessioni al Teatro Valle Occupato. Ha pubblicato per i tipi di Alinea la monografia "Tragico tempo, chiaro il dovere" (QCR, Alinea 2012) su Amelia Pincherle Rosselli, di cui ha curato anche la voce per il Dizionario Biografico Treccani online, e recentemente la raccolta di racconti "La Signora dei Pavoni" (Empirìa edizioni, 2016).

Anna Maria Curci è nata a Roma, dove vive e lavora. Suoi testi sono apparsi in riviste, in antologie e su lit-blog. È nella redazione del blog "Poetarum Silva", della rivista trimestrale "Periferie" e del sito "Ticonzero". Ha pubblicato in rete traduzioni da testi di diversi autori, prevalentemente di lingua tedesca. Sono pubblicate in volume dalla casa editrice Del Vecchio sue traduzioni di poesie da: Lutz Seiler, "La domenica pensavo a Dio / Sonntags dachte ich an Gott" (2012), del romanzo "Johanna" di Felicitas Hoppe (2014), di poesie da: Hilde Domin, "Il coltello che ricorda" (2016). È in uscita, per le edizioni Canopo, la sua traduzione del racconto "I fortunelli" di Felicitas Hoppe.
Sue sono le raccolte di poesia: "Inciampi e marcapiano" (LietoColle 2011), "Nuove nomenclature e altre poesie" (L'arcolaio 2015).

Alessandra Trevisan (1987) è dottoranda in Italianistica all'Università Ca' Foscari di Venezia, dove ha completato il suo percorso di studi. Suoi saggi e contributi su Sapienza sono apparsi in miscellanee e presentazioni, nonché nel volume "Voce di donna, voce di Goliarda Sapienza" (La Vita Felice, 2016) scritto con A. Toscano e F. Michieli. Dal 2011 fa parte della redazione del lit-blog "Poetarum Silva". Sperimentatrice vocale, lyricist e performer, partecipa alla band UnkNwn (IDM, synth-pop), a progetti di musica elettronica sperimentale e musica intuitiva - tra cui in duo con Johann Merrich (della netlabel electronicgirls) -, e collabora con la poeta Silvia Salvagnini.

Dove e quando