Viaggio al termine dell'Impero. Un romanzo che scrive e riscrive la storia dell'Africa italiana e della caduta dell'impero fascista. Le tracce di un complotto, il resoconto della campagna di guerra, una ricostruzione fedele e rigorosa della spedizione in Etiopia del capitano Gioacchino Corvo. C'è tutto questo e di più ne I Fantasmi dell'Impero (Sellerio Editore, febbraio 2017, collana La memoria) di Marco Cosentino, Domenico Dodaro e Luigi Panella, giallo nel deserto dove il passato
prende di nuovo vita, nello spazio della pagina e del racconto.

Africa Orientale Italiana, 1937. L'Impero da poco proclamato è ufficialmente "pacificato". In realtà popolo e territorio sono scossi da violente rivolte, in particolare nell'ampia regione nord-occidentale dell'Etiopia, attribuite alla condotta del capitano Corvo, accusato di aver organizzato brutali esecuzioni che hanno esasperato la popolazione locale. A indagare il suo operato, viene chiamato un magistrato militare integerrimo, assistito da un sottotenente. I due, Vincenzo Bernardi e Vittorio Valeri, iniziano così il loro viaggio attraverso l'Impero, vera e propria discesa agli inferi e ritorno, che li porterà nel cuore di un mondo che gli Italiani sentono di aver sconfitto e civilizzato, e che invece resiste con coraggio e ferocia. Intorno ai militari guidati dal capitano Corvo - votati all'inseguimento e alla soppressione dei ribelli fedeli al deposto Negus - si sfalda il sogno imperiale e inizia a consumarsi l'illusione colonialista.
Ma nulla è come sembra, e anche la loro corsa sembra celare un inganno mascherato per cedere segreti militari agli Inglesi. Un romanzo storico, e qualcosa di più. Quasi una cronaca in presa diretta, che utilizza tutti gli strumenti letterari e storici disponibili. Documenti e immagini d'archivio insieme a personaggi realmente esistiti, veri verosimili o ispirati a figure storiche, ricostruiscono una realtà misteriosa e avvincente, e danno voce alla grande delusione nazionale che fu la costruzione, irrealizzata, dell'«Impero». Cosentino, Dodaro e Panella raccontano attraverso gli occhi dei loro protagonisti, Bernardi e Valeri la vera protagonista del romanzo, l'Italia colonialista, quell'Italia che pensava di lasciare qualcosa al mondo, ma che ha perso se stessa.

Informazioni, orari e prezzi

Martedì 7 marzo - ore 18.00
Libreria Notebook Auditorium

Dove e quando

Libri - Svegliarsi negli anni venti