Presentazione del libro di Dina Lauricella

Per la prima volta nella storia della 'Ndrangheta le figlie e le mogli dei boss collaborano con la giustizia denunciando le loro famiglie. Lo fanno per strappare i propri figli a un ineluttabile destino criminale, ma soprattutto per sfuggire loro stesse alla regola dell'omicidio d'onore. Un rito barbaro che prevede sia il loro stesso padre ad ucciderle se tradiscono il marito o la "famiglia". Quest'ultima, perno indiscusso della mafia calabrese che si fonda sui legami di sangue, con la defezione delle donne subisce un vero e proprio terremoto, evidenziando le prime crepe in un sistema criminale che per decenni si è mostrato forte e compatto come un monolite.

Attraverso la voce di queste nuove Antigoni, "Il Codice del disonore" entra fra le quattro mura delle 'ndrine, dove non esistono affetti o legami familiari, ma solo la cieca devozione all'Onorata Società.

DINA LAURICELLA

presenta

"IL CODICE DEL DISONORE"

Donne che fanno tremare la 'Ndrangheta 

Einaudi

intervengono con l'autrice:

FEDERICA SCIARELLI

DAVID PERLUIGI


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma