«S'i' fosse whisky, arderei tutto il tuo mondo, così dal fegato potrei guardare. /
S'i' fosse Piji, mi tampestarei di brutto, ché pare che quello sappia farlo proprio bene.
/ Se fossi dio, io mi cambierei cognome. / Se fossi Gaber, proverei a resuscitare.»
S'i' fosse whisky (Collana Improvvisazioni pagg 103, euro 14.90, Morellini editore) è una selezione ragionata di scritti tratti dai quaderni di appunti del cantautore romano Piji, scritti che per la prima volta pubblica senza trasformarli in canzone, ma lasciandoli nella loro forma originaria di pagine poetiche o, più precisamente, come le chiama lui stesso nel sottotitolo del libro, "popsìe, jazztacci e canzoni senza musica".
Pensieri esistenziali, d'amore, di politica, di musica. Parole alcoliche e quasi sempre notturne, che l'autore si diverte in questo caso a mantenere "ubriache" ovvero semilavorate, scritte di getto, limate ma non troppo. Talvolta attingendo all'ironia, altre volte privandosene e lasciandosi andare al soliloquio, al dialogo allo specchio, mai inteso come puro diarismo, ma sempre come spunto di riflessione che dal particolare possa andare al generale. Verso la realtà, anche quando apparentemente se ne discosta rifugiandosi nel mondo della fantasia e nel significato più nascosto, da decodificare, in cui il primo livello di lettura non è detto che sia tutto ciò che contengono quelle frasi.

Una sorta di linguaggio jazzistico fatto di sole parole, ma che possa essere cantato da tutti.
Lunedì 26 settembre, in occasione di Jazz & Image, Piji presenta la sua raccolta di poesie S'I' FOSSE WHISKY. A partire dalle 20.30, Piji dialogherà con Elena Mearini, poetessa e direttrice della Piccola Accademia di Poesia, curatrice della collana "Improvvisazioni" di Morellini editore, e con il poeta e filosofo Angelo De Stefano.

In occasione di JAZZ & IMAGE

Presentazione della raccolta di poesie

PIJI
S'I' FOSSE WHISKY
Popsìe, jazztacci e canzoni senza musica

Morellini Editore
A seguire, degustazione whisky.
Alle 22:00 PIJI in concerto
con

Piji, voce e chitarra
Gian Piero Lo Piccolo, clarinetto
Egidio Marchitelli, chitarra
Francesco Saverio Capo, contrabbasso
e tanti ospiti che reciteranno alcune poesie del libro.

Foto Tamara Casula
Piji (Pierluigi Siciliani), ha al suo attivo diverse pubblicazioni discografiche, un'incessante attività live, 18 premi vinti tra rassegne e riconoscimenti vari, 4 partecipazioni alla Rassegna Premio Tenco di Sanremo, un importante numero di partecipazioni televisive e radiofoniche e molte prestigiose collaborazioni. Piji porta avanti parallelamente anche le carriere di conduttore radiofonico, scrittore, teatrante e organizzatore di eventi con 22 format radiofonici, 15 spettacoli teatrali e una decina di direzioni artistiche. Ha scritto il libro "La canzone jazzata" (Zona, 2007, vincitore del Premio Internazionale del libro musicale di Sanremo nel 2008), ha partecipato con un racconto a "Indimenticabili" (Ultra, 2018), con un saggio a "Nudi di canzone" (Arcana, 2019) e con diversi articoli per la rivista "Il Salvagente".

La collana IMPROVVISAZIONI
diretta da Elena Mearini in collaborazione con Marco Saya e Angelo De Stefano
La nuova collana di pop-poesia propone una poesia "contemporanea" ricca di suggestioni e musicalità, che vuole trascinare il lettore nel mezzo della visione dei suoi autori, renderlo partecipe della realtà intuita e coinvolgerlo nelle immagini, nei ritmi e nei suoni di un accadere che soltanto la parola può rendere vivo. La scrittura è chiamata a essere corpo di un'allucinazione. L'intento è quello di proporre una scrittura disposta a incrociare le caratteristiche della prosa con quelle della poesia, attenta alla qualità e alla musicalità: visione, aneddoto (struttura narrativa del quotidiano), ritmo e musica come elementi fondanti.
Morellini editore

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Libri