Presentazione del volume curato da Alessandro Zuccari

Mercoledì 18 maggio 2016, alle ore 17.30, presso l'Accademia Nazionale di San Luca verrà presentato il volume Scipione Pulzone e il suo tempo curato da Alessandro Zuccari (De Luca Editori d'Arte, Roma 2015). Introdotti da Francesco Moschini, alla presenza del curatore e degli autori dei saggi, interverranno Barbara Agosti, Anna Imponente, Claudio Strinati.

La prima rassegna monografica su Scipione Pulzone (Gaeta 1544 ca. – Roma 1598), allestita a Gaeta nel 2013, ha permesso al grande pubblico di scoprire un valente maestro del Cinquecento e agli studiosi di potersi finalmente confrontare con una cospicua selezione delle sue opere, molte delle quali restaurate per l'occasione. Oltre a tirare le somme sul corpus del pittore e sulle sue relazioni artistiche, nel catalogo della mostra sono state proposte nuove attribuzioni, rilevanti scoperte documentarie e circostanziate riflessioni critiche. In tal modo, a più di cinquant'anni dalla fondamentale monografia di Federico Zeri, si è creata l'opportunità per nuovi approfondimenti su temi specifici e per una aggiornata rilettura della personalità del Gaetano nel fecondo contesto storico e artistico del suo tempo. L'importanza dei prestiti delle opere esposte e lo spessore dei contributi presentati nel 2013 hanno offerto nuove ipotesi di ricerca e riaperto il dibattito critico sull'artista.
Gli atti della Giornata di studi (tenutasi alla Sapienza Università di Roma il 20 febbraio 2014) che qui si presentano, costituiscono un ideale complemento al catalogo dell'esposizione gaetana. Studiosi provenienti dal mondo accademico e dalle soprintendenze, giovani ricercatori e restauratori, ognuno con il suo diverso approccio metodologico, offrono nuovi dati e spunti su una serie di problemi rimasti ancora aperti. Oltre al percorso professionale ed esistenziale di Pulzone (anche nel quadro delle istituzioni accademiche), sono stati meglio studiati i suoi rapporti con committenti, artisti e uomini di cultura. Al tempo stesso sono state ripercorse le vicende storiche e conservative di alcuni suoi capolavori ed è stato precisato l'influsso che egli ha esercitato su una nuova generazione di pittori.
Sia la Mostra, sia la Giornata di studi sono il frutto di una virtuosa collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Lazio e la Sapienza Università di Roma. L'iniziativa di Anna Imponente e Alessandra Acconci realizzatasi con la rassegna gaetana ha avuto seguito anche con gli studi confluiti in questo libro, che arricchiscono la conoscenza di un vero protagonista del mondo artistico italiano ed europeo del secondo Cinquecento.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma