Uno dei migliori pianisti che il jazz italiano abbia espresso negli ultimi 25 anni

E' un graditissimo ritorno quello di Antonio Faraò, senza dubbio uno dei migliori pianisti che il jazz italiano abbia espresso negli ultimi 25 anni, alla guida di un trio che vede la sezione ritmica composta da Dario Rosciglione al contrabbasso e Roberto Pistolesi alla batteria.

La carriera solistica di Antonio Faraò è ricca di successi sin dal principio. Si ricorda la vittoria, ottenuta nella categoria "Nuovi Talenti", al referendum indetto dalla rivista "Musica Jazz" (1991) e la chiamata a numerosi festival internazionali nei quali ha potuto suonare a fianco dei maggiori maestri del jazz contemporaneo. Tra le collaborazioni eccellenti, in elenco sparso, Daniel Humair, Gary Bartz, Lee Konitz, Steve Grossman, Tony Scott, Chico Freeman, Miroslav Vitous, John Abercrombie, Richard Galliano e, tra i protagonisti della musica leggera, la grande Mina.

A suggellare un percorso musicale di per sé straordinario, nel 1998 arriva il più prestigioso dei riconoscimenti: il primo premio al "Concorso Internazionale Piano Jazz Martial Solal", indetto dalla Città di Parigi ogni 10 anni. Un evento che ha lanciato Faraò ancora più intensamente nei circuiti europei della musica contemporanea, e lo ha portato ad incidere, dopo alcuni dischi prodotti in Italia, due album da leader per l'importante etichetta tedesca Enja Records: "Black Inside" nel 1998 e "Thorn", nel 2001, in cui Faraò è accompagnato da Jack DeJohnette alla batteria, Chris Potter ai saxofoni tenore e soprano e Drew Gress al contrabbasso.

Antonio is not only a fine pianist but a great one." – Herbie Hancock "The best young piano player to come up for years" – Kenny Kirkland Un incontro con il jazz e per immergersi nello spirito del tempo di una musica che non finirà mai.

Considerato dalla critica europea uno dei più interessanti pianisti jazz dell'ultima generazione, Antonio Faraò nasce a Roma nel 1965 in una famiglia dalle radici musicali ben salde. Il padre, appassionato di jazz, lo introduce fin da giovane all'ascolto di Benny Goodman, Count Basie e Duke Ellington, trasmettendogli un gusto per lo swing che resterà intatto anche negli anni successivi, diventando elemento peculiare del suo modo di comporre. I suoi primi modelli di riferimento sembrano essere due musicisti che, seppur diversi tra loro per le strade verso cui indirizzano la loro ricerca, sono legati da un'identica tensione al rinnovamento del linguaggio. Da un lato, McCoy Tyner, storico protagonista dell'avanguardia modale e componente fondamentale del quartetto di John Coltrane che incise le leggendarie "My Favorite Things" e "A Love Supreme". Dall'altro il più giovane Herbie Hancock, che lasciato il quintetto di Miles Davis poco prima dell'incisione di "Bitches Brew" si era diretto verso una più intensa stagione elettrica, culminata con l'introduzione di elementi funky nel gruppo che incise l'epocale "Maiden Voyage".

Solo in seguito, Faraò scopre Bill Evans, pianista imprescindibile per chiunque voglia suonare jazz in trio, padre di un panismo sottile e raffinato che coniuga l'improvvisazione afroamericana con la tradizione romantica europea. L'influenza di Evans sull'estetica di Faraò (pur nella peculiarità dei rispettivi linguaggi), appare oggi più evidente rispetto al passato, soprattutto quando gli impeti più marcatamente percussivi lasciano spazio ad una maggiore consapevolezza melodica.

Antonio Faraò - Piano

Dario Rosciglione - Contrabbasso

Roberto Pistolesi - Batteria


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma