Sul palco anche Roberto Gatto

L'originalità del suono che sprigiona dalle dita di Fabio Zeppetella nel suo ultimo progetto discografico sembra creato dall'artista e cesellato a sua immagine. Dotato di una tecnica ineccepibile e di grande sensibilità musicale, si avvale di un linguaggio unico e personale, frutto di uno studio sempre votato alla ricerca di uno stile che negli anni ha reso proprio. È arrivato all'elaborazione di un suono del tutto originale passando dalla tradizione e dalla musica di maestri come Charlie Cristian e Wes Montgomery all'evocazione del be-bop e dell'hard-bop degli anni sessanta. Nel suo fraseggio si scoprono gli aspetti dominanti di un linguaggio mai scontato, a volte virtuoso a volte dolce ma sempre essenziale. Le sue caratteristiche dominanti sono costituite dalla dolcezza e dalla forza insite nel modo originale di interpretare la musica, nel quale appare evidente la volontà di ricercare un legame virtuale con la poesia.
Sul palco Fabio Zeppetella (chitarra), Roberto Tarenzi (piano), Francesco Puglisi (contrabbasso) e Roberto Gatto (batteria).


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma