A tutto jazz, ospite della serata il pianista John Colianni

Sabato 29 novembre, al Gregory’s Jazz Club di Roma il quartetto di Stefania Patanè, la nuova voce di spicco nel jazz italiano, con Francesco Puglisi al contrabbasso e Andrea Nunzi alla batteria, si esibirà con un ospite internazionale di altissimo livello proveniente dagli Stati Uniti, il pianista John Colianni, definito dal New York Jazz Times “The essence of a swing pianist”, sideman di nomi indimenticabili della storia del jazz, come Mel Torme e Les Paul. Il gruppo proporrà standard tratti dalla tradizione jazzistica.

Stefania Patanè ha sviluppato uno stile riconoscibile e personale nell'intento di coniugare il background della tradizione del jazz e della bossa nova a forme più moderne di linguaggio ed espressione vocale.

Nata e cresciuta a Catania, vive attualmente a Roma. E' leader di diverse formazioni e collabora con musicisti di alto livello nella scena jazz nazionale, come Roberto Tarenzi, Luca Mannutza, Andrea Pozza, Nicola Angelucci, Paolo Recchia, Enrico Bracco, Francesco Puglisi, Andrea Beneventano, Daniele Mencarelli, il giovane talento Seby Burgio e molti altri ancora. Ha pubblicato nel 2013 l’album d’esordio, “Even Not 4” per la Wide Sound Records.

Collabora stabilmente, nell’ambito di corsi e seminari, con Bob Stoloff, didatta di scat e improvvisazione vocale noto a livello mondiale. Svolge un'intensa attività didattica presso conservatori, accademie e festival jazz (Roma, Napoli, Reggio Calabria, Catania, Palermo), in qualità di docente di canto jazz ed esperta di tecnica vocale (EVT Certified Master Teacher). Assiste e traduce inoltre Norma Winstone, Kurt Elling, Michele Hendrics, Rhiannon, Roger Treece e Joey Blake nel corso di vari workshop e festival jazz.

John Colianni nato nel New Jersey e residente a New York, è un musicista eccezionale dotato di una grandissima tecnica e di uno swing impeccabile, il suo stile è influenzato da musicisti come Duke Ellington, Oscar Peterson, Art Tatum, Erroll Garner, Teddy Wilson e molti altri.

John Colianni nel corso della sua carriera ha collaborato con artisti che hanno fatto letteralmente la storia del Jazz: Dal 1982 al 1985 ha suonato con il leggendario vibrafonista Lionel Hampton, mentre dal 1991 al 1995 è stato il pianista del grande Mel Tormé con il quale ha inciso ben 6 album. Nel 2003 è stato membro del quartetto del leggendario Les Paul.

Altra importante collaborazione è stata quella che lo ha visto al fianco del regista Woody Allen come pianista nella sua band in stile New Orleans. L'elenco delle collaborazioni di questo artista con grandi nomi della musica è ancora lungo e veramente impressionante.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma