2 GIORNI DI CONCERTI A ROMA, DAL TRAFFIC al MONK !!!

Si inizia Mecoledi 7 Giugno con il JAPANESE NEW MUSIC FESTIVAL al TRAFFIC live club:
ACID MOTHERS TEMPLE + RUINS + KAWABATA MAKOTO + TSUYAMA ATSUSHI + ZUBI ZUVA X + AKATEN + ULTRAMAN ZOFFY + PSICHE BUGYO ...dal Giappone con furore, ma con anche il guest dei nostrani NO HAY BANDA...

Il giorno dopo, Giovedi 8 Giugno, ci si sposta al MONK club (arci)
dove saranno di scena, a due anni dal loro ultimo tour, che li vide passare anche per Roma, gli SHELLAC di Steve Albini.
Ad aprire il loro live ci saranno le DECIBELLES, trio francese al femminile, che accompagna gli Shellac nel loro tour europeo e i romani MalClango ad introdurre l'evento a suon di decibels in mezzo al pubblico...

ABBONARSI ALLA 2 GIORNI PERMETTE DI RISPARMIARE SULL' INGRESSO AD ENTRAMBE GLI EVENTI

ABBONAMENTO ALLA 2 GIORNI / TWO DAYS SUBCRIPTION:
25 € + diritto prevedita

Japanese New Music Festival + guest (7 giugno)
10 € botteghino

Shellac + guests (8 giugno)
20 € botteghino (+ diritto prevendita - solo online)

INIT.
in collaborazione con:
Hypergeo, Subsound rec., Traffic e Offset
(japanese new music festival)
con Indigena booking e con la partecipazione del Monk club arci (shellac)

--------------------------------

JAPANESE NEW MUSIC FESTIVAL
With:
Makoto Kawabata: Guitar from Acid Mothers Temple
Yoshida Tatsuya: Drums from Ruins and Painkiller of John Zorn
Tsuyama Atsushi: Bass from Acid Mothers Temple and the Metling Paraiso Ufo
JAPANESE NEW MUSIC FESTIVAL è l'occasione per fare il punto sullo stato della musica giapponese (improvvisata e non) degli ultimi venticinque anni, con un occhio privilegiato alle nuove correnti di un suono che incorpora elementi di rock, noise, psichedelia, contemporanea, free jazz, massimalismo e improvvisazione in un unicum dove le commistioni tra elettronica e acustica e le barriere tra i generi svaniscono definitivamente. Uno sguardo obliquo e per forza di cose anche violentemente differente rispetto alle rassicuranti certezze della musica occidentale, un modo per esplorare teorie e universi 'altri' grazie a una serie di performance dal fascino magnetico ed a tratti ironico, in esclusiva italiana, che vedono coinvolti alcuni dei massimi esponenti della sperimentazione sonora a 360° dal paese del sol levante.
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
Nel corso della stessa serata si susseguiranno:
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
TSUYAMA ATSUSHI solo
Tsuyama è meglio conosciuto come il funambolico bassista degli Acid Mothers Temple, ma è anche un virtuoso della chitarra e un eccellente vocalist. Ha sviluppato il suo stile personale nel corso di anni di viaggi in giro per il mondo dove ha studiato in particolar modo i canti tradizionali di Europa ed Asia, filtrandoli e reinterpretandoli poi in un ammaliante e irraccontabile amalgama, un'esperienza che può essere descritta soltanto come "fake traditional". Recentemente ha creato un nuovo genere di ancora più ardua catalogazione, che egli definisce "prog.rock > blues-ization plan", nel quale demolisce i classici del rock progressivo restituendoli a una forma più basica di blues improvvisato. http://www.youtube.com/watch?v=rZtiMo0hCao
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
KAWABATA MAKOTO solo
Makoto Kawabata è il leader e mastermind degli Acid Mothers Temple, parallelamente ai quali porta avanti una felice e prolifica carriera di chitarrista solista non allineato. Attingendo da uno smisurato serbatoio di tecniche e stili che vanno dal tipico glissando metal all'archetto (tramite cui riesce a evocare il suono di un'intera orchestra di strumenti a corda), il suo operato sfugge alle classificazioni, tanto da non poter venire descritto soltanto come minimalista, sperimentale o drone; resta invariato lo stupore dell'ascoltatore nel trovarsi di fronte a un catalogo di universi sonori tanto sterminato e insondabile, generato unicamente da un singolo uomo con la sua chitarra. http://www.youtube.com/watch?v=dXRRT8Qq3p8
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
RUINS ALONE (Tatsuya Yoshida solo)
Yoshida Tatsuya è batterista/compositore/improvvisatore tra i più innovativi dell'intera scena giapponese ed apprezzate anche da John Zorn che lo assoldò nel progetto Painkiller insieme a Bill Laswell. Pioniere della formula basso-batteria, fonda il duo RUINS nel 1985. Le melodie che crea sono complesse e misteriose, e i testi cantati in una lingua di sua invenzione; ne scaturisce un sound ad altissima tensione, selvaggio, intenso, pieno e pulsante, di rara potenza, tanto da rendere impossibile da credere che il risultato sia frutto di soli due musicisti. Ora i RUINS sono privi del bassista, e al momento Yoshida suona come RUINS ALONE eseguendo il materiale dei RUINS con l'ausilio di basi pre-registrate. http://www.youtube.com/watch?v=AYJ6hsTq5v4
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
ZUBI ZUVA X (Yoshida/Tsuyama/Kawabata)
Eccentrico ensemble poliritmico acappella con influenze che vanno dal canto gregoriano alla musica etnica, dal doo-wop allo screaming tipico di certo hardcore americano, il tutto veicolato da un uso massiccio di ritmi irregolari; le loro performance oltre ogni limite, unite ai contenuti spiazzanti delle liriche che spesso oltrepassano la soglia del nonsense totale, trascinano il pubblico in un vortice di riso irrefrenabile misto ad ammirazione sconcertata. In ogni caso, roba che ridefinisce fin dalle fondamenta il concetto di "abilità canore". http://www.youtube.com/watch?v=4jF3xBM2RxM
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
AKATEN (Tsuyama/Yoshida)
Dal 1995 perseguono il loro motto personale: "Irresponsabilità e negligenza". Lo scopo del duo è infatti liberare la musica dall'asfissiante giogo della seriosità nell'arte: con un armamentario composto esclusivamente da oggetti di uso quotidiano come forbici, spazzolini da denti, cerniere lampo e bottiglie di plastica utilizzate a mo' di percussioni, e testi che consistono nella ripetizione ossessiva delle corrispettive marche – urlate all'infinito – la dinamica di ogni show imbastita seguendo alla lettera il concetto "minima spesa, massima resa", AKATEN è la punk band sperimentale da supermercato definitiva, la loro musica la colonna sonora perfetta di esistenze modeste e a buon mercato. http://www.youtube.com/watch?v=UWW6n1hX-mA
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
ZOFFY (Tsuyama/Kawabata)
Progetto creato nel 1998. Le composizioni del duo si riallacciano da un lato all'enorme cultura musicale di entrambi i membri, tramite torrenziali improvvisazioni basate perlopiù sul repertorio dei trovatori e antichi traditionals europei in genere, dall'altro allo sconfinato amore per il rock "di una volta", grazie al quale prendono forma sconvolgenti cover di classici degli anni '60-'70 riletti in puro spirito decostruzionista. Il tutto realizzato con una dose di humour tale da far sembrare Frank Zappa un serioso rompiballe. Le loro performance senza precedenti garantiscono a ZOFFY un posto lontano anni luce dai sentieri già abbondantemente battuti nelle mappature del rock. http://www.youtube.com/watch?v=3YR3Deik4ik
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
ACID MOTHERS TEMPLE SWR (Kawabata/Tsuyama/Yoshida)
Gli Acid Mothers Temple sono stati riconosciuti all'unanimità come la più grande band psichedelica del pianeta, sicuramente la più estrema. I loro album, rilasciati con frenetica regolarità nel corso di una carriera ormai ventennale (ma i prodromi risalgono addirittura al 1978), sono stati pubblicati dalle più importanti e rispettate etichette discografiche underground dei cinque continenti, e la magnificenza dei loro spettacoli live ha ben presto assunto i contorni della leggenda. SWR è l'assetto più battagliero e potente finora nell'intera serie di compagini che hanno di volta in volta formato il collettivo Acid Mothers Temple; ne fanno parte Tsuyama e Kawabata (nucleo originatore del progetto) oltre a Yoshida dei RUINS. Il loro clamoroso assalto frontale di psichedelia estatica e roboante spazzerà via ancora una volta le legioni di principianti del rock lisergico in giro per il mondo. http://www.youtube.com/watch?v=5BEt5ZUQq8A

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

SHELLAC dice di se:

Shellac e' una band di Chicago che suona potente rock minimalista .
Bob suona il basso perche' giova alla sua postura. Bob fa' yoga perciò ha un'ottima postura.
Todd suona la batteria perchè,cazzo sì,la batteria e' il massimo:
Ammettilo,avresti voluto suonarla.
Steve suona la chitarra perche' di tanto in tanto puo' fermarsi e cantare le parole.
Noi non usiamo un iPad sul palco perche' Gesù c'e' niente di più noioso(risposta:no).
Steve in un anno non ha aggiornato il suo blog sui cibi,Bob non ha aggiornato il suo blog sulla vela...aspetta..lui non ha un blog sulla vela ma ti mostrerà foto sul suo telefonino.
Todd potrebbe sembrare un duro ma lui e' davvero un super duro.Tanto duro da indossare. due camicie in usa sola volta.
Ultimamente alcuni di noi guardano su youtube gente che fa' mobili di legno con utensili manuali . Prima di quello erano i costruttori di spade.Anche generici fabbri credo.
Ancora prima erano esplosivi fatti in casa..Devastanti cadute dai trampoli a molla.
Pessime versioni cover. Andando a ritroso ci trovi video sui gatti,
e da lì tartarughe fino in fondo.
Shellac non ha intenzione di smettere..!

Dove e quando