Una dottrina fondamentale del buddismo che si basa sull'idea dell'impermanenza

Il titolo della mostra "A nicca"si riferisce a una dottrina fondamentale del buddismo che si basa sull'idea dell'impermanenza, cioè che l'esistenza è in costante stato di cambiamento. L'etimologia Anicca è una negazione della parola radice "nicca" e significa stabilità e continuità. Le opere di Marcela Gottardo e Flavia Monteiro non sono una negazione della permanenza, ma esplorano il concetto buddista di Anicca attraverso l'instabilità e le trasformazioni della materialità e dell'essere. Gottardo e Monteiro, insieme si interrogano su come vediamo attraverso la lente soggettiva della nostra conoscenza e abbracciano la nostra impermanenza destinata, oltre la crisi filosofica ed esistenziale del nichilismo.
Gottardo impiega materiali e/o temi familiari per creare frammenti della propria esistenza temporale e ideazione del sé. Questi frammenti sono assemblati e trattati come forme uniche che si trovano in una stasi di degrado, eppure fanno eco alla memoria di forme organiche e di spazio negativo. L'opera di Gottardo presenta esplorazioni materiali della forma, risultando in un sondaggio di opere d'arte che evocano un indice archeologico, incoraggiando una scoperta visiva di manufatti.?
Monteiro mette in mostra diversi corpi di opere che includono cianotipi sospesi che riecheggiano come gli indumenti che si asciugano su una corda da bucato; e includono anche forme organiche di oggetti di uso quotidiano, comprese le ombre della flora del deserto. Monteiro esamina il suo adattamento a vivere in un nuovo ambiente desertico abbracciando il sole del deserto e le sue ombre nella creazione dei suoi cianotipi. Queste opere confutano il suo ambiente arido attraverso il blu profondo dei cianotipi, il processo liquido che sviluppa queste immagini e attraverso i blocchi della radiazione del sole del deserto nell'esporre i cianotipi. Questi cianotipi sono anche abbinati a fotografie che rafforzano i deserti bramosi di acqua. Monteiro contrappone i cianotipi e le fotografie con i suoi caldi dipinti di griglie e strutture che suggeriscono un contenimento, non solo di colore ma anche dello spettro di fluidi che avvolgono il vuoto. La pratica di Monteiro esamina le idee di trasformazione attraverso l'entropia visiva della struttura, documentando il proprio ambiente e il desiderio di contenere.
Friedrich Wilhelm Nietzsche ha criticato il concetto buddista di Anicca, postulandolo in opposizione alla sua idea di "volontà di potere", dove ha equiparato l'idea dell'impermanenza al nichilismo. Le opere di Gottardo e Monteiro sfidano le sue accuse alla pratica ascetica del buddismo (e del cristianesimo) come la "volontà al nulla", attraverso la loro esplorazione affermativa del materiale e dell'ambiente in continua evoluzione. Le loro opere parlano della transizione di vite vissute impermanenti all'interno della diaspora brasiliana. In definitiva questa mostra abbraccia la realtà dell'impermanenza del nostro mondo con un obiettivo di accettazione dell'instabile e dell'ignoto.

Dal martedì al sabato ore 16-19


Parteciperai? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma