Invita a fermarsi e a riflettere e al tempo stesso parla di rinascita e di speranza  il teschio presentato dall'artista Irem Incedayi presso la Galleria RestelliArtco, in occasione della Rome Art Week 2020. E il messaggio dell'artista si intuisce sin dal titolo:  "Silence",  un appello alla pace affinché nel silenzio, si possano udire le parole dei più deboli ed i sussurri di chi non ha più voce.

Il teschio in gesso, dipinto ad acrilico ,olio, pigmento di bronzo ,ha sulla bocca una farfalla in bronzo realizzata con la tecnica della fusione a cera persa e si ispira agli affreschi romani e orientali, grazie all'uso di una tecnica che ha un forte legame con l'archeologia e il culto del passato. I pigmenti, l' acrilico e l'olio creano sull'opera effetti di corrosione che richiamano ad un tempo passato, come un relitto pescato in fondo al mare in stato di ossidazione.  

Irem Incedayi, tra le artiste più raffinate del panorama internazionale, nasce a Roma da una famiglia di artisti, suo padre Timur K.Incedayi è infatti firmatario della corrente artistica "Il Metropolismo".

Irem si laurea nel 1994 all'Accademia di Belle Arti di Roma, il suo percorso artistico si snoda tra Oriente ed Occidente; nelle sue frequenti permanenze ad Istanbul, l'artista ha subito il fascino di un mondo raffinato e misterioso fatto di palazzi e moschee, che splendono e si dissolvono nel pulviscolo dorato delle albe e dei tramonti del Bosforo.
Dell'Occidente subisce il fascino del Classicismo di Roma e della mitologia di origine greca, e ad unire passato e presente è il Mar Mediterraneo inteso come crocevia e punto di incontro tra le culture, un mare che affonda le proprie radici nel mito della scoperta e del viaggio, nella partenza e nel ritorno a casa come fu per Ulisse ad Itaca, un bacino liquido all'interno del quale ci si può far trasportare attraversando le infinite diversità culturali per un viaggio che è soprattutto dentro se stessi.
E' questo il background di Irem Incedayi,una cultura che non rinnega le tradizioni ma parte da esse per costruire il futuro, che riconosce la paura ed il timore che c'è in ognuno di noi e ne fa occasione di rinascita individuale, una spinta per  imparare a vivere in modo diverso, più in armonia con il mondo e la natura , più consapevole.

"Silence è il risultato di una elaborazione e sviluppo di una mia idea nata durante il lockdown – spiega - in quel periodo ho realizzato infatti una mascherina dipinta da me dal titolo: "il silenzio degli innocenti" . La mascherina ha al centro Il disegno di una falena  ed é ispirato alla celebre locandina del pluripremiato film "The silence of the Lambs"
La falena, che con le sue misteriose sfaccettature stimola le fantasie dell'uomo, facendo emergere alla coscienza di ognuno, le recondite sensazioni di ignoto e di timore, incarna il mistero della metamorfosi, del mutamento e della naturale evoluzione spirituale degli esseri e si trasforma in farfalla che si poggia sulla bocca del teschio; la farfalla è pronta a volare via , ad affrontare la vita, quindi un segno di rinascita.
Un'opera che invita l'umanità a ridisegnare se stessa, a porre al centro la solidarietà, il rispetto reciproco, che sottolinea la necessità ormai imprescindibile di vivere in armonia con l'ambiente affinché esso possa essere presente ed orizzonte e non più gabbia o limite. "Silence" verrà esposta alla Galleria romana RestelliArtco in Via Vittoria Colonna 9 in occasione della Rome Art Week 2020, la  rassegna più importante della Capitale dedicata all'arte moderna e contemporanea.
Silence (2020) - Irem Incedayi
Scultura-Teschio in gesso dipinto ad acrilico, olio, pigmento di bronzo e farfalla realizzata in bronzo con tecnica di fusione a cera persa.
Rome Art Week 26 -31 ottobre 2020
Galleria Restelliartco.
Via Vittoria Colonna, 9 Roma
Infoline +39 06.3243919 info@restelliartco.com  
www.restelliartco.com
photocredits Gianni Brucculeri

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Mostre