La giovane artista romana Pamela P. in arte Ranya Art, attraverso l'unione della scultura e l'utilizzo di materiali di riciclo trova la sua massima forma di espressione. Grafica pubblicitaria, amante del mondo orientale approfondisce in forma artistica e professionale una delle sue piu' grandi passioni: la danza orientale. Aprendo successivamente una boutique di costumi per danzatrici fatti a mano.
Da un processo di ricerca interiore e da un grosso fallimento economico familiare comincia a creare, scolpire e modellare e da qui la sua creativita' non si interrompe più. L'artista racconta: "Ho iniziato creando degli astratti con le rimanenze di tutti i negozi di telefonia falliti dei miei, in un solo anno fu un vero disastro e cosi in un mondo dalle risorse finite in un mondo finito e una famiglia finita ho deciso di crearne delle opere d'arte".
Nel marzo 2016 presenta alla Convention Tattoo di Roma la serie "il ragazzo" che avra' gran successo e portera' in giro per l'italia tutto l'anno. Volti di celebrita', di divinita' e fantasia per meta' scultura classica unita a materiali di riciclo, dei veri e propri cyborg, un innesto perfetto che ha dato vita ad un nuovo stile.
Ogni pezzo e materiale di riciclo non è mai a caso centinaia di componenti elettronici o solo uno singolo mutano completamente la loro natura dando forma al significato dell'opera.
Con eleganza lo stile vintage si mescola ad un mondo cibernetico, gotico e futuristico dando vita all'identita unica di queste opere, che perfezionandole al massimo portera' in esposizione anche per il 2017.

L'artista decide un percorso anomalo, ma libero e indipendente. Predilige le Convention Tattoo e questo riguarda la sua storia al quanto bizzarra che ha destato moltissima curiosita nelle persone. Tutto inizia due anni fa per puro caso all'evento che si svolge solitamente a Roma in primavera, la convention del tatuaggio. Si ispira ad un ragazzo... un tatuatore... che incrociando lo sguardo rimase più che colpita. Lei lo descrive come un colpo di fulmine e un lampo di genio, quindi per riuscire ad entrare nel mondo delle convention tattoo e per poterlo rincontrare l'anno successivo si ingegna e inventa qualcosa di talmente originale e in armonia con l ambiente che non avrebbe potuto fallire. I volti tridimensionali, i dettagli dell'amato con i particolari della fisionomia la serie prese vita: numerandole e intitolandole tutte con lo stesso nome " il ragazzo". Una serie complessa di 25 pezzi che ha cominciato ad esporre a marzo 2016 per la convention tattoo di Roma e poi da qui è stato un susseguirsi di date, esposizioni e un meraviglioso lavoro in questo per l'artista nuovo e stimolante ambiente finita per caso.
Per questo anno l'artista pensa e realizza un'opera per una persona speciale nello stile greco-romano che si sposa perfettamente con le sue passioni e ricerche delle vecchie culture e popolazioni, trovandosi indietro nel tempo fino all'epoca classica e neoclassica. Si evolve, sperimenta, dando vita ad una nuova serie e decide di inaugurare cosi' il nuovo anno con un vero e proprio salto indietro nel tempo, fino all'epoca classica e neoclassica. Un epoca in cui l'arte non è fedele alla riproduzione della realta' ma ne estrae l'essenza.
Sognando un mondo cibernetico ed un ritorno allo spirito saranno in mostra, in versione altrernativa, mezzi busti e sculture dalla bellezza greco-romana nel cuore della capitale o meglio nel...

"Core de Roma"
all'interno dell'evento "International Tattoo Expo Roma "
5 6 7 maggio 2017
Eur, Palazzo dei Congressi

Appartiene ad un evento principale:

  1. International Tattoo Expo 2017  Terminato

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Mostre